Turismo

Il Cremlino di Rostov è una fiaba russa

  Il Cremlino di Rostov è uno dei più belli della Russia, le cupole a cipolla delle sue chiese, le torri e le mura in pietra bianca sono una rappresentazione visibile dell’iconografia delle fiabe russe descritte dal poeta Pushkin. La storia del Cremlino di Rostov iniziò quando una parte della antica popolazione ugro-finnica arrivò in questi luoghi e fondò un insediamento erigendo in questo sito un’enorme figura in legno del dio pagano Veles, solo nei secoli X°-XI°, attraverso le tribù slave che conquistarono queste terre conobbero la fede cristiana. L’attuale Cremlino, dalle mura possenti fu costruito nel periodo tra il 1650-1680 con l’obiettivo di dimostrare la forza dell’autorità spirituale e non per proteggersi dai nemici, infatti non c’era più necessità di difendersi con delle fortezze, l’aspetto possente delle sue mura è probabilmente solo un’idea architettonica per rappresentae la potenza, l’importanza della città. Le porte d’ingresso sono troppo larghe e le torri hanno le finestre, che in caso di minaccia non potrebbero reggere un assalto, infatti fu costruita come una residenza dall’autorità religiosa di Rostov, dal Metropolita Iona III°. Il progetto della residenza ipotizzava la riproposizione di un luogo mistico con chiese, palazzi e un giardino che ricordasse quello dell’Eden e con un laghetto, al centro del complesso, immagine speculare del Lago Nero che si trova al di fuori delle mura. L’architetto Pyotr Dossaev, non solo riuscì a soddisfare il sogno del Metropolita Iona, di creare una “città del paradiso”, ma riuscì a raggiungere un armonioso complesso architettonico con la preesistente presenza della Cattedrale della Dormizione. L’intero complesso è circondato da mura con 11 torri collegate con gallerie e passaggi che creano un collegamento con tutti gli edifici, questo permetteva al Metropolita  di muoversi nella sua residenza non mettendo i piedi sul terreno “peccaminoso” degli uomini. Gli studiosi d’arte hanno identificato, nelle tre zone importanti del complesso, quattordici distinti monumenti sopravvissuti fino ad oggi: la Piazza della Cattedrale, la Corte del Vescovo e il Giardino del Metropolita.   La Cattedrale della Dormizione (1508—1512) Al centro della piazza più grande sorge l’Uspenskij Sobor, la Cattedrale della Dormizione, il più antico edificio del complesso del Cremlino, costruito intorno al 1450 è la quinta Chiesa costruita su questo sito, la prima chiesa in legno fu eretta nel 991 durante il regno del Principe Vladimir e fu fondata in onore del battesimo dei cittadini, mentre la prima Cattedrale in pietra apparve nel 1162. La cattedrale che ammiriamo oggi è stata costruita in pietra bianca e mattoni all’inizio del XVI° secolo, ha un’altezza di 60 m. ed è coronata da cinque grandi cupole e l’architettura della Cattedrale ricorda molto da vicino alla omonima Cattedrale del Cremlino di Mosca. Per motivi politici, la Cattedrale della Dormizione fu chiusa nel 1935 e le sue attività ripresero nel 1991, ora appartiene alla Chiesa ortodossa russa. All’interno è conservato una imponente iconostasi del 1736, scolpita in stile barocco, ma molte icone sono state tolte, alcune per il restauro, altre sono finite nei musei di Mosca e San Pietroburgo. Nella Cattedrale della Dormizione è visibile l’ultimo importante dipinto prodotto dalla Confraternita di pittori di Kostroma e di Yaroslavl, guidati dal famoso pittore Gurij Nikitin nel 1659-1671, anche gli affreschi, purtroppo danneggiati da un incendio, sono giunti fino a noi. Il lavoro di restauro per ripulire gli affreschi ricoperti da diversi strati di pittura ad olio è ostacolato da un grave problema, le difficili condizioni di temperatura e di umidità presente nella Cattedrale. La maestosità, la grandezza del tempio sono impressionanti, ma le sue condizioni attuali danno l’impressine di completo abbandono.       Il Campanile della Cattedrale della Dormizione (1682- 1689) Il campanile, ma sarebbe più corretto dire i tre campanili sono i più famosi della Russia, subito dopo il Campanile di Ivan il Grande del Cremlino di Mosca, le sue campane sono del XVII° e XVIII°secolo, in tutto sono 15 campane e tutte hanno nomi propri e un suono diverso, la campana più grande ha il nome di Sysoy  e fu dedicata alla gloria del Metropolita Iona III°, il suo peso raggiunge le 32 tonnellate e Sysoy suona solo durante le festività religiose importanti, la collocazione del campanile in vicinanza dello spiazzo del laghetto interno permette di creare un ottimo effetto acustico, per la delizia dei turisti  si tengono concerti di campane.         La Chiesa della Resurrezione (1670) Sopra la Porta Santa del Cremlino di Rostov, che è dedicata proprio all’Ingresso del Signore a Gerusalemme si trova la bellissima Chiesa della Resurrezione di Cristo. La Chiesa della Resurrezione è situata tra due torri rotonde agli angoli delle mura del Cremlino, fu eretta come prima delle chiese personali del Metropolita di un grandioso progetto architettonico. Il dipinto delle pareti della Chiesa della Resurrezione è stata realizzata nel 1675 ed è uno degli affreschi più famosi dell’arte russa del XVII° secolo e gli storici dell’arte affermano che tra i possibili artisti che vi lavorarono si riconoscono le pennellate dei migliori artisti di quel tempo: Dmitrij Plekhanov, Sevastian Dmitriev, Gurij Nikitin e altri. Gli affreschi ricoprono l’intera superficie interna della Chiesa e si ha l’impressione di vedere un arazzo, i colori sono un po’ sbiaditi, il colore è tenue, delicato perché non sono stati mai restaurati, ma poiché c’è molta luce nelle gallerie, sono molto godibili. La parete orientale della Chiesa è dipinta come un’iconostasi, un modello che ricalca quelle  delle antiche chiese bizantine e caratteristici nelle chiese dell’antica Rostov.       La Chiesa del Salvatore a Senyakh (1675) La Chiesa del Salvatore a Senyakh è rinomata spesso come la perla del Cremlino di Rostov ed è la chiesa nella casa del vescovo di Rostov e dei metropoliti di Rostov. La data di costruzione è stata individuata nell’iscrizione sulla croce, che sorge sull’unica cupola della chiesa. La Chiesa si presenta con un’architettura severa e sobria e quasi priva di decorazioni, al suo interno si trova un caratteristico porticato sorretto dai pilastri dorati dove sopra è collocata una doppia iconostasi. Gli affreschi della Chiesa furono dipinti nel 1675 dal pope (prete) di

Tutaev: la città degli affreschi di Gurij Nikitin 

La città di Tutaev è nella Regione di Yaroslavl è situata sul fiume Volga, a 40 chilometri a nord-ovest del capoluogo regionale Yaroslavl, ed è una delle 12 città incluse nel percorso turistico dell’Anello d’Oro della Russia. L’origine della città è antica e all’origine portava i nomi di due Principi russi  santificati: Boris e Gleb, figli di Vladimiro il Santo Grande principe di Kiev, fatti uccidere in giovane età, nel 1015, dal fratello maggiore Svjatopolk (il Maledetto), succeduto al padre e uccise i fratelli per eliminare ogni possibile rivale. I due fratelli martiri furono canonizzati dalla Chiesa russa, di cui sono i due primi santi nazionali santificati da Papa Giovanni Paolo II° che li incluse nel Martirologio Romano. Le prime menzioni di insediamenti a Borisoglebsk apparvero nel 1238, quando la città di Yaroslavl fu attaccata dai mongoli e alcuni cittadini, in fuga dall’invasione, fuggirono in cerca di rifugio. Un giorno, il Principe di Uglich Roman Vasilevich, visitò Borisoglebsk e valutò utile creare un insediamento fortificato sull’altra sponda del fiume Volga e  fu così che intorno alla fortezza nacque la città, Romanov (di Roman). Il nome di Tutaev fu dato durante in occasione del primo anniversario della Rivoluzione d’Ottobre che con una solenne cerimonia fu presa la decisione di rinominare la città in onore di Ilya Tutaev, un eroe soldato dell’Armata Rossa morto nel 1918 durante la guerra civile tra le due fazioni (bianchi e rossi) della città di Yaroslavl. Da sempre la città si sviluppò sulle due sponde del fiume Volga su una sponda c’era la città di Romanov (città di Roman) sull’altra Borisoglebsk (la città di Boris e Gleb) e sono state sempre due città indipendente fino al 1822 quando lo Zar Alessandro I° per semplificare le risorse e migliorare l’economia nella gestione delle città, le due cittadine di Romanov e Borisoglebsk furono uniti sotto il nome di Romanov-Borisoglebsk La città pur inclusa nell’elenco degli insediamenti storici della Russia, ancora oggi non ha un ponte che colleghi i due insediamenti, per spostarsi sul Volga occorre prendere un traghetto. Perché visitare questa città? E’ per avere visione di paesaggi pittoreschi, ma soprattutto per la presenza di un gran numero di monumenti, patrimoni culturali con meravigliosi affreschi nelle chiese prodotte dalla mano di Gurij Nikitin, il pittore russo, riconosciuto come il più grande maestro dell’affresco e della pittura di icone della seconda metà del XVII° secolo. I suoi biografi raccontano del suo talento naturale e della sua abilità acquisita come allievo di un altro famoso pittore Simon Ushakov, che è riconosciuto un artista pari con i nomi dei famosi pittori russi: Andrei Rublev, Teofane il Greco e Dionisio. Gurij Nikitin viene menzionato dai critici d’arte moderni come inventore della “formula di Gurij Nikitin“, una combinazione di dare alle figure la loro rappresentazione plastiche con una particolare bellezza dovuta dall’eccellente capacità dell’artista di trasmettere il gioco del chiaroscuro, che trasforma le sue opere in veri capolavori che possiamo vedere nella Cattedrale dell’Arcangelo Michele nel Kremlino di Mosca, nella Chiesa della Trinità di Nikitniki nel quartiere di a Kitaj-Gorod a Mosca, nella Chiesa del Profeta Elia a Yaroslavl, nella Cattedrale della Dormizione al Cremlino di Rostov, nella Cattedrale della Trasfigurazione nel Monastero di Sant’Eutimio di Suzdal e gli affreschi del artista ci sono salvati nelle due cattedrali della città di Tutaev, mentre le sue icone oggi sono presenti nelle collezioni dei musei russi.   Sulle due rive del Volga Cattedrale della Resurrezione A Tutaev la Cattedrale della Resurrezione (1652—1687) posta sulla riva destra del Volga domina per la sua posizione su una collina e per le sue imponenti dimensioni, la Cattedrale fu eretta sul posto della vecchia Chiesa eretta nel 1238 e andata in rovina dedicata ai santi principi Boris e Gleb. La nuova costruzione iniziò nel periodo di massimo splendore dell’architettura in pietra bianca degli architetti di Yaroslavl, non solo per la raffinatezza delle mura, ma per le decorazioni fatte con piastrelle e la ricchezza degli affreschi esterni e interni, tanto da non essere meno importante delle più importanti Chiese di Mosca e di Yaroslavl. L’altezza della cattedrale, alla sommità della croce è di quasi 50 metri e sulle cornici sotto il tetto è presente un’ampia fascia di affreschi raffiguranti soggetti biblici. L’interno della Cattedrale è composto da due chiese, una superiore e quella sotto con le gallerie dipinte alla fine del XVII° secolo dei migliori pittori delle città di Kostroma, guidati dal famoso maestro Gurij Nikitin. A cavallo tra il XVII° e il XVIII° secolo, nella Cattedrale fu installata un’iconostasi a più livelli con una cornice intagliata di legno coperta d’oro, che rende l’insieme con gli affreschi un contesto artistico di notevole bellezza. Grazie al fatto che la Cattedrale non ha mai subito chiusure come altri templi ha potuto preservare la decorazione originali interne, nella chiesa si trovano oggetti sacri antichi: un crocifisso scolpito  nel XV° secolo  un esempio unico di scultura lignea russa inserita nell’icona “La passione di Cristo”, realizzata nel 1654. L’opera artistica più importante della Cattedrale è l’icona di tre metri “L’immagine del Salvatore misericordioso non fatta dalle mani“, dipinta nel XV° secolo dal monaco Dionisio Glushitskij e considerata miracolosa, molti devoti entrano in ginocchio sotto l’icona e genuflessi, percorrono un piccolo tunnel sotto l’immagine.   Cattedrale dell’Elevazione della Croce Nella riva sinistra del Volga si erige la Cattedrale dell’Elevazione della Croce (1658) che è il più antico tempio della città, ricostruito in pietra sul sito di una antica chiesa in legno del 1283 ed eretto dentro le mura di una antica fortezza (Cremlino), di cui purtroppo sono rimaste solo tracce. La Cattedrale fu costruita dai maestri di Yaroslavl ed è un bel esempio di architettura locale della metà del XVII° secolo e stupisce per gli ampi volumi dei locali principali e le possenti alte torri che sostengano, le enormi cupole a cipolla argentate. Le pareti della Cattedrale dell’Elevazione della Croce nel 1676 furono decorati degli affreschi da Gurij Nikitin che era a capo della Confraternita dei migliori pittori delle città di Kostroma e Yaroslavl. Gli affreschi sono

Vyatskoe: il villaggio dei 15 musei 

  Vyatskoe il Villaggio della Regione di Yaroslavl  dichiarato il primo tra più belli della Russia   Il Villaggio di Vyatskoe si trova nella parte orientale della regione a 30 chilometri dalla città di Yaroslavl e 300 chilometri da Mosca ed è una riserva di architettura rurale dei secoli XVIII-XIX che oggi è diventata meta di numerosi turisti. Il villaggio è un complesso urbanistico unico con oltre 53 monumenti architettonici d’eredità culturale, che in passato erano case di mercanti e contadini, case da tè e pubblici ospizi per i poveri. Il Villaggio di Vyatskoe è uno dei più antichi centri di insediamento dei “vecchi credenti“* nella provincia di Yaroslavl che da sempre si erano distinti per la loro solidarietà e operosità. I ricchi mercanti locali, dopo aver visitato Mosca e San Pietroburgo, costruirono le loro case rifacendosi a quelle che avevano visto.  Per merito della loro perizia artigianale nel corso dei secoli il villaggio di Vyatskoe ha acquisito la sua particolare immagine architettonica. Nel periodo sovietico Vyatskoe cadde gradualmente in rovina fino al 2006 quando una coppia di quella cittadina appassionati dalle antiche abitazioni  iniziarono i lavori di recupero e di restauro di diversi edifici. Le strutture restaurate con cura ha riportato il villaggio in un moderno complesso storico e culturale pieno di piccoli musei che hanno recuperato mobili, attrezzi, oggetti che risalgono alla fine dell’ottocento sino all’epoca sovietica. Ogni struttura riflette le specificità uniche del territorio, l’originalità e la ricchezza della cultura locale e tutte sono diventate une vera attrazione turistica con le relative infrastrutture turistiche. . Oggi nel villaggio sono presenti 15 piccoli musei con esposizioni uniche, i cui fondi contano più di 30.000 oggetti, alcune delle quali sono statti incluse nell’elenco dei Fondi dei Musei della Federazione Russa.    Tra le numerose collezioni di antiquariato interessanti sono le piccole costruzioni in legno situati sulle rive del fiume locale, non sono immediatamente visibili, perchè sembrano costruzioni abbandonate, invece sono parte del “Museo del bagno russo al fumo nero“. Il bagno al fumo nero veniva usato dagli antichi slavi per le pulizie del corpo e questo metodo è rimasto sino ad oggi nei piccoli villaggi delle campagne russe. Questi bagni sono stati portati nel Villaggio di Vyatskoe da luoghi diversi perché era abbastanza raro trovare una “Баня по-черному – bania po ciornomu” (bagno al fumo nero), perché oggi il 95% dei bagni producono l’acqua calda e il calore della stanza con il fumo bianco.  La principale differenza dalla bagno al fumo bianco e quello al fumo nero consiste, per il primo che la presenza un tubo per l’espulsione i fumi e i vapori va direttamente all’esterno, mentre il secondo il fumo generato durante la combustione del legno della stufa rimaneva nel locale, solo la porta di ingresso veniva accostata alla porta, così che il fumo si accumulava sulle pareti, solo quando tutto il fumo era uscito e il locale era caldo, si poteva iniziare a lavarsi. I vecchi bagni sono stati sempre funzionanti e lo sono ancora, le guide vi racconteranno come nel Villaggio di Vyatskoe i contadini curavano i malati con vapore caldo, e vi avvicinerannp alla storia e alle tradizioni della cultura russa che riguardano l’igene del corpo, per chi vuole c’è la possibilità di provare la famosa bania russa, almeno una volta nella vita si dovrebbe sperimentare come  l’aroma di una fraschette di betulla scaldata dal vapore diventa piacevole. Nel Villaggio di Vyatskoe si incontra uno dei principali ingredienti della gastronomia russa i cetrioli salati. Va ricordato che in Russia si preparano tutte le verdure sotto sale uno dei modi principali per conservarle per l’inverno. I cetrioli salati prodotti a Vyatskoe hanno la caratteristica di rimanere croccanti e forti di sapore con un gusto tipico e per queste particolarità erano noti in tutta la Russia fino alle montagne degli Urali. Il Villaggio Vyatskoe iniziò a rivendicare lo status di capitale del cetriolo a metà del XIX° secolo, infatti migliaia barili di cetrioli salati, furono portati sulla tavola imperiale di San Pietroburgo e sulle tavole degli aristocratici di Mosca, così come via mare arrivavano in Germania e in altri paesi europei che li apprezzavano. Vi suggeriamo di visitare il ristorante situato sulla piazza locale, che funge, anche da museo con una interessante collezione degli orologi d’epoca, ma soprattutto offre un intero menu vede la presenza costante del cetriolo e vi suggeriamo di ordinare:  antipasto l’insalata russa “Olivier” con cetrioli freschi di primo sale; primo piatto la famosa zuppa russa Rassolnik che deriva dalla parola “rassol”, ovvero la soluzione acquosa e salata delle verdure sott’aceto, esistono diverse maniere per la preparazione di questa zuppa con i cetrioli sotto aceto, nel ristorante di Vyatskoe la rassolnik è preparata in modo unico; secondo piatto i famosi pelmeni i ravioli russi fatti a mano, ma solo qui verranno serviti con pesto di cetrioli freschi! per finire il dessert con i famosi blini (creps) russi con la marmellata fatta di cetrioli. chiudete con un bicchierino di vodka locale al gusto di cetriolo!   Nel 2015, Vyatskoe ha vinto il primo concorso nazionale indetto per eleggere “Il villaggio più bello della Russia“, l’equivalente russo dell’associazione Les Plus Beaux Villages de France. Da quel giorno Vyatskoe è membro dell’Associazione dei più belli villaggi della Russia e porta con onore questo titolo e continua a svilupparsi turisticamente, infatti tutti i suoi abitanti, in un modo o nell’altro, prendono parte attiva al miglioramento dell’esposizione del villaggio e questo avviene particolarmente durante le feste folcloristiche. Nel 2019, Vyatskoe è stato incluso nell’elenco preliminare dei siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO per diventare un sito culturale riconosciuto. Venire in questo luogo dà un’incredibile sensazione di vedere un vero villaggio russo, che non è intimorito dalla sua dimensione e della sua genuinità e del recupero delle cose povere, ma che stupisce con le sue vedute pittoresche e un’incredibile sensazione di tranquillità quotidiana capace di interrompere il trambusto della modernità. Qui sarai accolto come ospite d’onore e si potrà scoprire la generosità dell ospitalità russa! *Un movimento religioso russo che nel

Pereslavl e i luoghi sacri di Ivan il Terribile 

Pereslavl Zalesskij è una città della Regione di Yaroslavl situata sulle coste meridionali del lago di Pleshcheyevo e un sito turistico importante sul percorso dell’”Anello d’Oro”. Pereslavl venne fondata dal Principe Jurij Dolgorukij, nel 1152, cinque anni dopo che fondò Mosca e fu subito una grande città importante come le altre coeve Vladimir, Yaroslavl, Smolensk, Novgorod, mentre Mosca era ancora un villaggio. Il Principe Dmitrij, figlio di Alexander Nevskij, durante il periodo della divisione territoriale del Principato di Pereslavl nei feudi, decise di dichiarare la città di Pereslavl come la capitale di un nuovo feudo formato dai territori della Rus’ di Kiev nordorientale (il nucleo territoriale del moderno stato russo). Il nome Pereslavl fu dato per onorare una delle città più antiche del Principato della Rus’ di Kiev, Perejaslavl fondata nel 907 (oggi con il nome Perejaslavl-Khmelnitskij, nella Regione di Kiev, in Ucraina, dato nel 1943). Il secondo nome aggiunto “Zalesskij” è dovuto al fatto che il termine “zalesje”, indica, “al di là della foresta” e Pereslavl era ed è circondata dai boschi. Il tempo con qualche città è crudele, una storia di potenza, nel passato ed oggi è una piccola città nella Regione di Yaroslavl, ma la sua importanza non diminuisce in alcun modo, perché rimane uno dei centri della storia culturale russa. A Pereslavl-Zalesskij sono presenti più antichi monasteri russi, con più di cinquanta siti religiosi, tra Cattedrali, Chiese e Cappelle, loghi, che occupano un posto speciale nel destino dello Zar russo Ivan Vasilyevich “il Terribile”.       La Cattedrale di Spaso-Preobrazhenskij La Cattedrale di Spaso-Preobrazhenskij fu fondata nel 1152 -1157 dal Principe Yuri Dolgoruky e fa parte delle cinque chiese costruite in pietra bianca a secco in Russia, in questa Cattedrale furono battezzati molti principi di Pereslavl, tra cui Alexander Nevskij. Lo Zar Ivan il Terribile visitava spesso la Cattedrale che rappresentava il luogo più antico del potere dei monarchi russi, poiché era quello il luogo dove avvenne la consacrazione e l’incoronazione del primo principe della nuova Russia, pretendeva che tutti i Boiardi della sua Corte pregassero insieme a lui quando era a Pereslavl. Questa è la chiesa più antica della regione di Yaroslavl.         Il monastero di Troitse-Danilov Il Monastero maschile di Troitse-Danilov fu fondato nel 1508 dal monaco Daniel, confessore del Granduca di Mosca Vasilij III°. Il 25 agosto 1530 nacque il primogenito del Principe di Mosca Vasilij III° un figlio molto atteso e per avere una discendenza divorziò dalla prima moglie, perché sterile dopo venti anni di matrimonio e l’anziano monaco Daniel, secondo la cronaca, divenne il padrino del bambino Ivan IV°, conosciuto con il soprannome di Terribile, il primo Zar della Russia. Nel 1532, in onore della nascita dell’erede nel monastero di Troitse-Danilov fu eretta la Cattedrale della Trinità, il Granduca chiamò per dirigere i lavori il famoso architetto della città di Rostov, Grigorij Borisov che costruì la Chiesa. L’interno della cattedrale fu dipinto da una Confraternita di pittori di Kostroma e di Yaroslavl, guidati da Gurij Nikitin e Sila Savin nel 1662-1668, la parete occidentale della Cattedrale è decorata con un affresco raffigurante il Giudizio Universale e sulle pareti laterali si possono vedere scene bibliche derivanti dalla storia di Lot e delle sue figlie. Una forte impressione è data dall’immagine del Cristo Pantocratore, realizzata nell’intera cupola del tempio. Gli affreschi della Cattedrale della Trinità sono considerati una delle opere più significative della scuola di iconografia di Kostroma e Yaroslavl della seconda metà del XVII° secolo sopravvissute fino ai nostri giorni.       Cappella “La Croce” Prima di entrare a Pereslavl sulla strada che da Mosca porta a Yaroslavl c’è una cappella in pietra bianca che si chiama “La Croce“, secondo la leggenda, nel 1557 il giovane Zar Ivan IV° Vasilyevich e sua moglie Anastasia Romanovna erano in pellegrinaggio al Monastero di Nikitskij di Pereslavl e sulla via del ritorno, la zarina fu colta dalle doglie e per fortuna il parto andò bene e nacque il terzo figlio. In onore di questo evento fu costruita una cappella in legno, mentre la cappella in pietra che vediamo oggi è stata costruita nel XVII° secolo.         Il monastero Fiodorovskij  Il Monastero femminile Fiodorovskij fu costruito nel 1304, sul luogo della battaglia tra il Principe di Mosca Yurij Danilovich contro il Principe di Tver, suo antagonista nelle conquiste territoriali, nel giorno che ricorreva la festa in memoria del Santo Martire Teodoro (in russo Fiodor) lo Stratilate, un generale romano cristiano fatto uccidere dall’Imperatore Licinio nel 319 d.c. Questa battaglia, che si concluse con la vittoria delle truppe di Mosca a di Pereslavl, fu riconosciuta dal Principe come una predestinazione al futuro destino della Russia, guidata dal Principato di Mosca. La cattedrale fu eretta per ordine e a spese dello Zar Ivan il Terribile nel 1557 in omaggio alla nascita di suo figlio al quale aveva dato il nome Fiodor in onore del Santo Teodoro lo Stratilate, che era particolarmente venerato nella Russia dell’epoca. Fiodor I° (Teodoro il Beato) nel 1584 divenne l’erede al trono reale dopo la morte di suo fratello Ivan Ivanovič che la leggenda racconta morire per una ferita inflitta da suo padre Ivan il Terribile. L’edificio più antico sul territorio del monastero è la Cattedrale di Teodoro lo Stratilate. Nonostante il tempio sia stato ricostruito più volte, è stato in in grado di preservare il suo aspetto originale, che lo ha reso uno dei monumenti architettonici unici del XVI° secolo. La cattedrale è stata affrescata tre volte nei periodi diversi, ma a causa di incendi che si sono susseguiti nel tempo, sono parzialmente conservati solo gli affreschi realizzati negli anni ’30 del XIX° secolo dal pittore Timofej Medvedev. Sono attualmente in corso il restauro degli affreschi e la ricostruzione dell’iconostasi in stile barocco.         Il monastero di Nikitskij  Il monastero maschile di Nikitskij è situato alla periferia nord della città di Pereslavl sulle rive del lago Pleshcheevo ed è uno dei monasteri più antichi della Russia, intitolato al Santo Martire Nikita di Gotfskij vissuto

Il “Parco russo” della città di Pereslavl-Zalesskij

La città di Pereslavl-Zalesskij è a circa un’ora e mezzo in auto o di pullman sulla strada che da Mosca arriva a Yaroslavl, sulla rotta turistica dell’”Anello d’Oro” prendendo l’autostrada M-8. La città è tra le più rinomate del circuito turistico per le sue antiche Cattedrali, Monasteri e Chiese, ma anche per i suoi monumenti naturali e storici. Ci permettiamo, per i turisti che intraprendo questo viaggio di visitare questa città, di includere una visita al “Parco russo”, perché vale la pena di vedere storia e costumi della russia e utilizzare i ristoranti che preparano una vera cucina russa di qualità.       Il “Parco russo” è un sito turistico che presenta in un unico sito una raccolta di tradizioni e rituali del patrimonio culturale russo che vanno dal XIX° al XX° Sec. Un patrimonio fortemente conservato dai protagonisti che con il loro lavoro vogliono preservare tradizioni e costumi di un tempo che fu. L’esposizione dei materiali raccolti e gli spettacoli della tradizione russa sono state raccolte con aiuto di scienziati dalla Università di Mosca, che sono riusciti a dare a questo sito turistico un livello non solo divertente, ma un sito museale etnografico in grado di far conoscere le belle tradizioni russe. Qui incontriamo le case in legno dipinte con delicati colori pastello, cosi gli interni, ma quello che stupisce è la presenza dei meravigliosi merletti che ornano le finestre e le porte delle case, potete chiedere di visitare queste abitazioni e sarete ospiti graditi. Ci sono diversi musei che espongono più di 1.000 oggetti: dagli strumenti musicali popolari russi, miniature in legno, alle casette di legno per gli uccelli, agli articoli per la casa e molto altro. Potete visitare i laboratori li presenti dove si può vedere come i maestri artigiani riescono a costruire i loro oggetti e a garantire la continuità della tradizione dell’artigianato russo della fabbricazione di bambole, di amuleti, della lavorazione di oggetti in argilla, delle decorazioni dei giocattoli di legno. Nel cortile “cosacco” sarete invitati a cavalcare un cavallo o fare un giro su un carro trainata da cavalli o provare la vostra abilità nel lancio di un’ascia o imparare a maneggiare una frusta. Il “Parco Russo” ospita regolarmente eventi, festival, spettacoli della tradizione russa e balli tradizionali, dove sicuramente sarete coinvolti. Per il pranzo non vi preoccupate nel parco è operativa una “Ryapushka” una tipica trattoria che ha il nome dell’unico pesce che si pesca solo nel lago di Pleshcheyevo e da nessun’altra parte della Russia e apprezzato dallo Zar Pietro I°, quando in questo lago costruiva la prima flotta russa. Non si mangia solo pasce gli ospiti possono gustare piatti tradizionali preparati nel vero forno russo a legna e vi consigliamo di assaggiare, oltre al pesce “ryapushka”, gli altri piatti tradizionali come il borsch e i diversi tipi di stufati con vari tipi di carne. Il “Parco Russo” è un ottimo posto dove trascorrere un paio d’ore per rilassarsi e mangiare, perchè si trova a metà strada del viaggio dalla capitale della Russia, alla capitale del famoso itinerario turistico “Anello d’Oro”.       Informazioni PRATICHE Indirizzo:152020, via Moskovskaya, 158 Pereslavl-Zaleskij, Regione Yaroslavl Telefono : +7 (48535) 6-33-88, +7 (915) 964-34-87. Sito web: http://www.ruparkru.com/. Orari d’apertura: Mercoledì – domenica:  10:00 –18:00 – Chiuso: Lunedì, martedì Costo biglietto: Intero: 300 ₽ -€. 3,50 – Bambini (7 –14): 150 ₽ -€. 1,70

Rybinsk ritorno al passato, c’è l’URSS

Gita nella città di Rybinsk, Regione di Yaroslavl Rybinsk è la seconda città per numero di abitanti della regione di Yaroslavl e si trova a 75 km dal capoluogo regionale Yaroslavl . Nel 1986 la città di Rybinsk è stata meritatamente inclusa nell’elenco delle città storiche della Russia e lanciata verso un meritato riconoscimento nell’itinerario turistico dell’Anello d’Oro e delle crociere sul Fiume Volga. La città di Rybinsk è sorta dopo Yaroslavl (1010) e la prima menzione del villaggio di pescatori, situato all’incrocio dei due fiumi Volga e Sheksna, risale al 1071. Grazie a questa posizione strategica Rybinsk ricevette lo status di città mercantile nel 1777 con il decreto di Caterina II° grazie al fatto che la rotta commerciale del Volga utilizzava l’attracco della città.     Perché suggeriamo di visitare la città, siamo sicuri che ai turisti che sono interessati a vedere qualcosa di interessante di una cittadina dell’entroterra della Russia gli indichiamo un luogo con i suoi panorami singolari che garantiscono alla parte centrale della città di ammirare uno stile architettonico che sta scomparendo quello stile russo della fine del Sec XIX° e quello dell’inizio del XX° che riguardavano le città russe del periodo della Rivoluzione d’Ottobre.   Nel 2018, la città ha subito un interessante restauro del suo centro storico, il luogo dove si è svolta la vita più turbolenta del periodo pre-rivoluzionario, infatti i lavori eseguiti, hanno rimesso in luce i canoni architettonici e cromatici delle città russe del XIX° secolo, con un’attenzione all’arredamento delle facciate degli edifici, soprattutto quelli della via centrale. L’attenzione al  quadro generale è stato l’impegno maggiore per dare credibilità alle atmosfere che si voleva recuperare, tanto che i cartelli pubblicitari e informativi, sono stati realizzati a mano su basi di legno, secondo la tecnologia originale dell’epoca preservando l’antica grafia russa.   La città di Rybinsk permetterà al turista interessato, un vero salto all’indietro del tempo, dal XIX° secolo all’URSS del periodo stalinista e il Parco “Era sovietica” aiuterà a vivere una emozione. A tre chilometri dalla città di Rybinsk è presente un grande bacino idrico, che secondo i piani del governo comunista dell’epoca doveva diventare il più grande lago artificiale del mondo, come estensione della sua superficie. Dal 1935 al 1955 iniziarono i lavori per la costruzione di una centrale idroelettrica, per questo fu fondato un villaggio, destinato ai costruttori e ai dipendenti della centrale.     La costruzione della stazione fu effettuata, principalmente dalle braccia dei prigionieri entrambi i sessi finiti nei Gulag, dove la direzione dei campi e dei luoghi di detenzione era sotto il controllo dell’NKVD del Ministero degli affari interni Essendo un lago artificiale la storia dei lavori per la realizzazione di questo impianto è molto tragica, per realizzare l’ambizioso progetto ben 130.000 persone di più di 700 villaggi e un’intera città hanno dovuto essere trasferiti in nuovi luoghi, lasciando le loro case. Una volta riempita la conca del bacino idrico di Rybinsk, gli edifici residenziali, gli edifici amministrativi, le chiese sono finite sott’acqua e durante il periodo del livello basso del lago riaffiorano sulla superficie le cupole di una antica Chiesa.           Nel 1953 su una stretta lingua di sabbia che sporgeva sul bacino idrico di Rybinsk, fu innalzato un monumento alto 17 metri raffigurante: “Madre Volga”, ma al posto di quella statua doveva essere allocato un altro famoso monumento “Operaio e contadina” che era stato collocato nel padiglione dell’URSS nell’Expo di Parigi del 1937, dove oggi è visibile nel parco VDNKh a Mosca. Il sogno della grande costruzione del comunismo non è durato per molto, la stazione ha funzionato a pieno regime dal 1946 al 1957e oggi è utilizza come riserva d’acqua di emergenza. Nel centro di Rybinsk, nell’edificio della ex Chiesa Tikhvin, è stato aperto un Museo, dove si possono vedere molte fotografie e documenti che raccontano la storia del cantiere del bacino idrico, la tragedia delle persone che hanno dovuto lasciare le loro case e quello dei prigionieri dei gulag. Nel 2012 è stato deciso di trasformare l’insediamento lavorativo di GES-14 in un’attrazione turistica come museo a cielo aperto. Le case a due piani che hanno quasi 90 anni, sono tutte abitate e conservate nel loro aspetto originario, ideali per foto che vogliono riprendere antiche atmosfere del periodo sovietico, tanto da sembrare vecchie fotografie di tempi passati .       L’edificio della “Casa della Cultura”, è diventato il museo in grado di rappresentare lo spirito dei quel tempi, aperto dalle ore 10 alle ore 17 (ultimo ingresso) tutti i giorni: Al piano terra funziona un cinema, dove si possono vedere i film che andavano per la maggiore in quell’epoca;     Salendo al secondo piano, i visitatori possono entrare in un ufficio vero di un funzionario del partito sovietico (commissario del popolo);     Nella mensa dove pranzavano gli operai la “stolovaya” si possono assaggiare i semplici dolci russi come: la vatrushka (una focaccina lievitata a forma di ciambella con un ripieno cremoso di ricotta) e pirojki (piccoli fagottini cotti al forno o fritti con ripieni vari);     Al terzo piano si trova un appartamento condominiale che i russi chiamano “Kommunalka”, un tipo di abitazione, che per i primi quarant’anni di vita dell’Unione Sovietica, permetteva a più nuclei familiari di avere un tetto, ma i servizi, la cucina e il corridoio erano condivisi, si  occupava – in forma privata – uno o due stanze, secondo il nucleo familiare.   Nella sala espositiva “Simboli dell’era sovietica“ si trova una collezione di manufatti di epoca sovietica, comprensiva di una esposizione “Giocattoli della mia infanzia“.     Si può arrivare nella città di Rybinsk da Yaroslavl in treno, autobus, auto, ma anche navigando sul Volga utilizzando il traghetto ad alta velocità “Meteor” (Partenza dalla Stazione fluviale di Yaroslavl tutti i giorni alle 14.10, arrivo a Rybinsk alle 16:00, attenzione il ritorno è la mattina successiva alle ore 10,40 per essere a Yaroslavl alle 12,20. Una alternativa c’è, se vi fate affascinare da una vecchia locomotiva a vapore per raggiungere la

“Russpass” una App utile per chi va in Russia

Applicazione mobile per i turisti “Russpass”   Dal 20 luglio 2020, per promuovere il turismo nella città di Mosca, è stata creata un nuovo sito Web https://russpass.ru (Ti consigliamo di utilizzare la traduzione in italiano, proposta da google, che appare appena si apre il sito) e un’App . Il sito, per il momento, funziona in modalità test, in tre lingue: russo, inglese e spagnolo, ma ne sono previste  altre e vale la pena di visitarlo  perché si può cogliere l’opportunità di scoprire molte notizie (visite alle città russe, biglietteria aerea, biglietteria ferroviaria, tour organizzati, ristoranti, parchi giochi ecc). Si tratta di una piattaforma digitale che dovrebbe essere utilizzata per promuovere tutta l’industria turistica russa, per ora si inizia con la città di Mosca, successivamente si estenderà alle altre città turistiche russe. I responsabili del turismo russo vogliono garantire che dal 1 gennaio 2021 per i cittadini stranieri di ben 53 paesi  esteri, inclusi gli italiani, vorranno ritornare in Russia per visitare le città e per garantire un’efficace risposta organizzativa, nel momento di maggiore richiesta turistica, sarà introdotto il visto elettronico simile a quello in funzione dal 1 ° ottobre 2019, ma limitatamente  a San Pietroburgo e nella regione di Leningrado e solo per la città di Kaliningrad. Si prevede che il visto elettronico venga rilasciato per un periodo valido di 60 giorni, ma la permanenza di un turista può essere al massimo di 16 giorni, il costo previsto, circa $. 50=€.46. E’ ipotizzabile che RUSSPASS sarà un valido aiuto per i viaggiatori individuali che desiderano organizzare il proprio viaggio in base alle proprie preferenze personali. Attraverso il sito si consentirà ai turisti di acquistare pacchetti già pronti, validi per tre, cinque o sette giorni, comprensibili di accesso gratuito a tutti i musei regionali della capitale, o preparare il proprio piano di viaggio utilizzando la funzione “itinerario di viaggio“, ma si possono  raccogliere informazioni utili anche per i musei, gli hotel e i ristoranti… L’applicazione visualizzerà la selezione finale con una ricevuta, che verrà salvata nella memoria del tuo account di RUSSPASS e non sarà necessario stamparla, basterà presentarla attraverso il cellulare. Percorsi consigliati, pacchetti di viaggio e altri prodotti di RUSSPASS sono stati sviluppati da guide professionali basate sull’analisi delle richieste e delle preferenze dell’utente. Al nuovo progetto hanno già aderito le città di San Pietroburgo e Kasan e daremo notizie quando sarà operativa l’App per le due città

Visto elettronico gratuito per San Pietroburgo

Dal 1 ° ottobre 2019 è stato introdotto per i cittadini stranieri (italiani) il visto elettronico per entrare a San Pietroburgo e nella regione di Leningrado, grazie a questo nuovo documento il cittadino straniero compilando una domanda sul sito web del Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa http://electronic-visa.kdmid.ru/spb_home.html potrà ottenerlo gratuitamente. Termini di registrazione e soggiorno La domanda deve essere presentata non prima di 20 e non oltre i 4 giorni prima del viaggio e il tempo inizia a contare dall’inizio del giorno di entrata. Il visto viene rilasciato per un periodo di 30 giorni, durante i quali un cittadino può rimanere in Russia esclusivamente nella città di San Pietroburgo o nella Regione (Oblast) di Leningrado per 8 giorni (la data di partenza dovrebbe essere entro questi 30 giorni). Importante: formalmente, la giornata è arrotondata alle 00:00, quindi se hai attraversato il confine russo il 1 ottobre alle 15:00, devi lasciare il paese l’8 ottobre alle 23:59 e non il 9 ottobre alle 14.59. La domanda richiede i dettagli del passaporto valido (almeno 6 mesi prima della scadenza) dalla data della domanda e una fotografia. Alla frontiera occorrà esibire un’assicurazione medica, pari ai giorni della visita, non sono necessari documenti aggiuntivi (invito, prenotazione di biglietti o alloggio, estratto conto bancario). Quanto costa un visto? Il visto elettronico per San Pietroburgo e la Regione di Leningrado viene rilasciato gratuitamente. Non viene addebitato alcun costo. Come  entrare a San Pietroburgo con il visto elettronico  Con un visto elettronico, si può entrare a San Pietroburgo e nella regione di Leningrado attraverso i seguenti checkpoint: Aeroporto di Pulkovo, Porto sul mare di Vysotsk, Grande Porto di San Pietroburgo (Stazione marittima), Porto passeggeri di San Pietroburgo. Checkpoint automobilistici “Ivangorod”, “Torfyanovka”, “Lingonberry”, “Svetogorsk” e Checkpoint pedonale “Ivangorod”. L’ingresso a San Pietroburgo e nella Regione di Leningrado con visto elettronico non è temporaneamente disponibile sui treni per motivi tecnici, si prevede di offrire tale opportunità nell’estate del 2020 all’inizio della stagione turistica. Come riempire il modulo Vedi il VISTO elettronico per SanPietroburgo (in italiano) Fate attenzione quando compili la domanda che è in inglese, il Ministero degli Affari Esteri chiede di utilizzare le istruzioni e attira l’attenzione sugli errori più comuni: il nome deve corrispondere completamente all’iscrizione nel passaporto (i nomi e i cognomi devono essere esattamente gli stessi che sono presenti nella riga del passaporto leggibile dalla macchina che si trova nella parte inferiore del documento), i dati del passaporto nel modulo di domanda devono corrispondere esattamente documento, la durata del soggiorno DEVE   ESSERE calcolata correttamente. Quando si compila la domanda, non è necessario allegare copie di biglietti, prenotazioni alberghiere, inviti, tuttavia il questionario contiene punti in cui è necessario indicare in quale albergo o in quale persona si intende soggiornare e lasciare le proprie informazioni di contatto. Inoltre, i documenti che confermano lo scopo e i tempi del viaggio possono essere controllati alla frontiera. Pertanto, è meglio prepararli in anticipo. Nel caso di una decisione positiva di rilascio di un visto elettronico, è necessario stampare un avviso o salvarlo in qualsiasi forma al fine di presentarlo quando si passa il controllo a un dipendente della compagnia di trasporto al momento dello sbarco, nonché quando attraversa il confine. La notifica deve essere stampata. I turisti con visto elettronico valido solo per il territorio di San Pietroburgo e per la Regione di Leningrado, non possono andare in altre città compresa Mosca. Con questo visto non è possibile. Il visto è personale, non può essere esteso a gruppi. Il viaggiatore deve avere un’assicurazione medica per la durata del viaggio.   Quanto risparmierà il turista Un visto turistico standard per la Russia costa agli europei 35 euro (tassa consolare) o 60 euro (quando si fa domanda per l’utilizzo del Visa Application Center), inoltre è necessaria una lettera di invito, il cui costo è di circa 1000 rubli (€.30,00). Pertanto, un visto elettronico gratuito consentirà al turista di risparmiare tra 2600-5300 rubli, (€. 35/75). Si prevede che dal 2021 con un visto elettronico sarà possibile arrivare in qualsiasi regione della Russia.

Turista a Mosca? Ecco un numero utile dove informarti

Ecco il numero unico per richiedere al telefono informazioni turistiche a Mosca   A Mosca adesso funziona un nuovo numero unico di telefono per contattare il Centro di supporto alle informazioni turistiche per i turisti di Mosca: il 122 numero fisso +7 (495) 122-01-11 Tutti e due numeri funzionano 24h su 7gg. Gli operatori rispondano in lingua russa e inglese. Le chiamate si possono fare da qualsiasi punto di Mosca e della Regione di Mosca con il telefono fisso o da cellulare con tutti gli operatori russi e stranieri. Il pagamento per le chiamate verso entrambi i numeri viene effettuato in base alla tariffa dell’operatore con cui si ha il contratto.  

Attenzione ai divieti quando fotografate in Russia

Al tuo arrivo in Russia, puoi iniziare a scattare foto appena vedi una cosa che ti piace. Anche sull’aereo,che ti porta in Russia non c’è problema, le compagnie aeree hanno confermato questo permesso, ma ricordati che non puoi fotografare i dipendenti dell’aeroporto, la reception, i checkpoint. Nessun problema per scattare foto in metropolitana, c’erano dei dubbi sulla legalità di scattare foto negli impianti ferroviari, alla fine di maggio le “Ferrovie della Russia”, in questa occasione hanno comunicato “il permesso di fotografare” per un evento speciale come i Mondiali di calcio è stato dato un  titolo eloquente e nelle stazioni ferroviarie di Mosca segneranno anche i luoghi più opportuni per essere autosufficienti. Esistono attualmente delle limitazioni: ad esempio, è vietato fotografare: oggetti di importanza strategica, installazioni militari, quelle che si riferiscono ai Ministeri, così come non possono essere fatte fotografie nei tribunali senza il permesso del giudice, fare riprese nelle chiese, nei musei, negli edifici delle ambasciate senza l’autorizzazione dell’amministrazione.   È importante sapere! Un tentativo da parte di un agente di polizia di rimuovere con la forza il filmato che hai fatto, o anche di rimuovere una chiavetta USB, sottrarre una macchina fotografica o un film è una violazione della proprietà privata, tutelata dalla legge russa.

Uglich, città natale di Agatha Christie?

Uglich, città natale di Agatha Christie? Casette coi gerani sui davanzali abitate da dolci nonnine, finestre decorate da cornici di legno intagliate e sanguinose storie sullo sterminio di dinastie principesche: tutti gli ingredienti per un viaggio “thriller” Uglich è l’unica città al mondo sul cui stemma è raffigurato un ragazzo con un pugnale in mano. E non è un caso: se ci si addentra nella storia di Uglich, viene da pensare che Agatha Christie in realtà sia nata qui. I principi locali, con una sorprendente regolarità, morivano tutti pochi anni dopo la loro incoronazione e senza lasciare eredi: scomparivano improvvisamente e senza traccia dalle pagine degli annali, impazzivano, finivano in prigione, i loro parenti venivano costretti a farsi monaci, venivano accecati o semplicemente annegati nel fiume. Probabilmente, il triste destino del principe ereditario Dmitri, ultimo discendente di Ivan il Terribile, era prestabilito fin dal momento in cui fece il suo ingresso in città. È proprio lo zarevich il ragazzo raffigurato sullo stemma di Uglich con in mano un sinistro pugnale. Lo zarevich Dmitri visse solo otto anni, ma la crisi politica che si protrasse per i ventidue anni successivi alla sua morte e che gli storici chiamano il Periodo dei Torbidi viene messa in stretta correlazione con la sua morte misteriosa. Benché Dmitri fosse nato dalla sesta moglie di suo padre, e la chiesa ortodossa non lo riconoscesse come figlio legittimo, dopo la morte di Ivan il Terribile rimase l’unico rappresentante del ramo moscovita della casata dei Rjurikidi. Secondo i racconti dei testimoni, lo zarevich Dmitri morì durante un gioco chiamato “tychka”. Il gioco, le cui regole sono ancora oggi immutate, consiste nel lanciare un coltello oltre una linea tracciata sul terreno, cercando di farlo conficcare in terra il più lontano possibile. Vince chi effettua il lancio più lungo. Mentre giocava, lo zarevich ebbe un attacco di epilessia, e per via delle convulsioni si ferì involontariamente con un paletto alla gola. Nel 1606, a quindici anni dalla sua morte, Dmitri venne canonizzato. Intorno alla sepoltura dello zarevich e alla cappella costruita su di essa in seguito sorse un cimitero per bambini. Ancora oggi, il 28 maggio di ogni anno a Uglich si celebra la giornata del ricordo dello zarevich Dmitri. Lo zarevich è considerato il santo protettore dei bambini. In questo giorno a Uglich, nella chiesa “fondata sul sangue” dello zarevich Dmitri, si celebra una messa solenne e si svolge una processione con il sudario in cui furono avvolte le sacre reliquie dello zarevich quando vennero trasferite da Uglich a Mosca. La campana che suonando a martello avvertì gli abitanti di Uglich della morte dello zarevich, suscitando disordini popolari, venne “punita” privandola del batacchio e fu mandata in esilio in Siberia, a Tobolsk. Nel luogo di pena vi fu incisa sopra la scritta: “Il primo esule inanimato da Uglich”, ma 300 anni dopo la campana fu riportata nella città di origine e oggi è esposta al Museo Statale d’Arte e dell’archivio storico di Uglich. Dopo la morte dello zarevich, Uglich attraversò i difficili avvenimenti dell’epoca dei Torbidi, venne distrutta e saccheggiata, ma il principale evento drammatico era ormai superato. Il paesaggio e l’atmosfera dalla fine del XVII—inizio del XIX secolo ad oggi sono cambiati ben poco, il che rende la città ancor più pittoresca ai giorni nostri. Le principali innovazioni del periodo sovietico sono il bacino idrico artificiale, la diga e la centrale idroelettrica costruite con il lavoro dei detenuti negli anni dal 1935 al 1955. Le nuove strutture si inserirono nel paesaggio cittadino e oggi ne completano l’immagine a prima vista idilliaca, ma piena di una segreta tragicità. In generale, la storia dei principi di Uglich era stata assai tragica anche prima della morte dello zarevich Dmitri. I figli di Vladimir, primo principe della città, erano morti senza lasciare eredi. Il principato vacante fu conquistato dal figlio del principe di Yaroslavl Fedor Chernyj, Aleksandr, poi misteriosamente scomparso. Dopo di lui sul trono di Uglich venne messo il figlio del principe di Rostov, anch’egli di nome Aleksandr, ma anche lui scompare. Dopo qualche tempo, morì senza lasciare eredi anche il suo unico figlio Yuri, di soli vent’anni. Del principato di Uglich si impossessò il Gran principe moscovita Ivan Kalita. Il figlio di Dmitri Donskoj, Konstantin, morì senza avere figli cinque anni dopo aver ottenuto il potere sulla città. Il successivo principe di Uglich, Andrei Bolshoj, nacque in questa città all’epoca in cui suo padre Vasilij II, accecato dai sostenitori di Dmitri Schemjaka, vi si trovava in esilio. Andrei divenne inviso a suo fratello, il Gran principe Ivan III, e finì in prigione dove morì in circostanze oscure. I suoi figli, dopo una lunga prigionia, finirono i loro giorni in un monastero. Il fratello di Ivan il Terribile, Yuri, che era stato principe di Uglich, impazzì; il suo unico figlio visse meno di un anno, e sua moglie si fece monaca nel monastero della Resurrezione di Goritsy. Ben presto, per ordine dello zar, la donna venne annegata in segreto nel fiume Sheksna. L’ampio specchio del bacino, nelle cui acque si riflette il Cremlino; i monasteri, le piccole case con il mezzanino, le chiese, le ville dei mercanti e dei nobili, la torre di avvistamento degli incendi, tuttora in uso, in una via del centro cittadino: una Russia che sembra uscita dai quadri dei suoi paesaggisti. Un’importante fonte di benessere economico per la città sono naturalmente i turisti, che raggiungono Uglich navigando sul Volga. Pertanto, qui di alberghi, caffè e musei di ogni genere, sia statali che privati, se ne trovano in abbondanza. I musei trovano facilmente spunto nel lugubre passato storico della città. Per gli amanti del romanticismo c’è il museo dei miti e delle credenze popolari russe, che ricorda un po’ un museo delle cere. Il pezzo più interessante è la “ricostruzione dello scheletro di un vampiro”. Per i visitatori più temerari c’è poi un museo privato dell’arte nelle carceri; peccato solo che la collezione non sia allestita nell’antico edificio della fortezza-prigione di Uglich, che ancora oggi ospita il convitto

Uglich: la nuova entrée nel percorso turistico del “Anello d’Oro”

  Per i turisti che vorranno andare nel 2018 in Russia e seguire le tappe dell’”Anello d’oro” li aspetta una piacevole sorpresa, infatti è stata ufficialmente inclusa, nelle città da visitare, anche la città di Uglich nella Regione di Jaroslavl. Jaroslavl, lo ricordiamo non è solo il capoluogo della Regione omonima, ma anche la capitale ufficiale di questo percorso turistico, che si presenta con altre due antiche città: Rostov, Pereslavl-Zalesskij. Ora si aggiunge la città di Uglich! Senza dubbio, una città con una ricca storia, che inizia nell’anno 937 sul fiume Volga dove principi e commercianti l’abbelliscono con bellissimi monumenti storici e architettonici. Oggi la città si propone con importanti musei e eventi culturali, in grado di renderla uno dei luoghi più interessanti del percorso tutistico e in grado di soddisfare tutti i requisiti necessari per un soggiorno confortevole e sicuro per i turisti stranieri. Ricordiamo che il percorso dell’”Anello d’oro” comprende otto città in quattro regioni: Sergiev Posad, Pereslavl’-Zalesskij, Rostov, Yaroslavl, Ivanovo, Suzdal e Vladimir e Uglich è diventata la  nona tappa.