San Pietroburgo:  Prospettiva Nevskij 12 bellezze da non perdere

Prospettiva Nevskij

Passeggiata sulla prospettiva Nevskij

La via principale della città di San Pietroburgo è la Pospettiva Nevskij lunga 4,6 km, camminare lungo questa strada, che è la principale della città è una bella passeggiata con tante cose da vedere e se anche voi lo farete sarete parte dei circa 2 milioni di persone che passano lungo la Nevskij ogni giorno.

Una passeggiata lungo la magnifica Nevskij Prospekt è piacevole in qualsiasi momento della giornata, anche di sera in quanto ha un’illuminazione bella e originale.

La Prospettiva Nevskij fu fatta per ordine di Pietro il Grande come la  strada principale che avrebbe collegato la città prima con quella di Novgorod per arrivare a Mosca.

Il nome moderno della Pospettiva (viale) su imitazione degli Champs-Élysées di Parigi, la ottenne nel 1781 poiché congiungeva la città al Monastero dedicato al Granduca Alexander Nevskij, un eroe nazionale, da cui il nome della Prospettiva.

Questo grande viale di San Pietroburgo in alcuni punti raggiunge la sezione più ampia a Gostiny Dvor con di 60 m di larghezza, mentre la più stretta sull’argine di Moika è di 25 m. Il lato destro della Prospettiva  è chiamato informalmente “ombreggiato” e l’altro lato “soleggiato” molto apprezzato per le passeggiate.

Nel XVIII secolo, la Prospettiva Nevskij vide un boom edilizio provocato dalla presenza dei Palazzi della famiglia imperiale e per questo molto richiesto dai ricchi abitanti della città che volevano dimostrare il loro status di agiati, XIX°, al suo apogeo Nevskij Prospekt era piena di edifici di varie banche, società commerciali di successo e consigli delle società per azioni internazionali più importanti.

Per conoscere la Prospettiva Nevskij è necessario sapere che il punto di partenza indicato dall’imperatore Pietro I° è la Piazza dell’Ammiragliato e termina con il Monastero Alexander Nevskij Lavra.

L’Ammiragliato

L’Ammiragliato Vista dal fiume Neva

L’Ammiragliato di San Pietroburgo è una costruzione in stile Impero, eretta su progetto dell’architetto Andrejan Zacharov  (1806- 1823), si trova all’inizio della Prospettiva Nevskij, di fronte alla Piazza del Palazzo d’Inverno.
Ha una caratteristica guglia dorata sormontata da una banderuola a vento dorata a forma di una piccola navetta è la barchetta sulla guglia dell’edificio è uno dei simboli di San Pietroburgo.
Nel XIX° Sec nel cantiere navale di fronte all’Ammiragliato avveniva la costruzione di navi a vela che continuò fino al 1844. Oggi, nell’edificio sono rimasti gli uffici della flotta russa come : il Ministero del mare, il Quartier Generale Navale, la principale amministrazione idrografica russa e la Cattedrale dell’Ammiragliato che dal 1709-1939 ospitò il Museo Navale.

 

 

 

 

Palazzo Stroganov, Nevskij, 17

Palazzo Stroganov: Sala interna

La costruzione del futuro Palazzo Stroganov iniziò, presumibilmente, nel 1720, quando fu costruito il primo nucleo di appartenenti per la famiglia di un ricco Barone russo, Sergei Stroganov o Stroganoff, dignitario della Corte imperiale nonchè industriale, ma nel 1742 la famiglia acquistò un’altra casa incompiuta che sì trovata affianco e grazie architetto F. B. Rastrelli i due edifici furono riuniti in un unico insieme, che oggi si può ammirare.
Questo monumento architettonico ha mantenuto nel tempo il suo colore rosa e bianco, nello stile del barocco elisabettiano.
Nel 1918 il Palazzo fu requisito dai Soviet e divenne il Museo di Stato Russo, successivamente numerose opere appartenenti alle collezioni Stroganov furono vendute all’estero e altre furono inviate ai musei di Mosca. Oggi il palazzo restaurato nel 1988  fa  parte del Museo russo di San Pietroburgo e ospita mostre temporanee di opere provenienti dalle sue collezioni e da collezioni di altre grandi musei d’arte russi e internazionali.
Gli orari di apertura del Palazzo Stroganov sono gli stessi del Museo russo ( fai un click per museo).

 

Cattedrale di Kazan, Nevskij, 25

Cattedrale di Kazan

La perla della passeggiata è la Cattedrale di Kazan, in stile neoclassico, una delle più grandi Chiese di San Pietroburgo e della Russia. Progettata da Andrej Voronich in stile impero e realizzato in 10 anni (1801-1811), il bellissimo edificio di fronte alla Prospettiva Nevskij ha una facciata a nord e un elegante e vasto colonnato corinzio ad emiciclo, di ispirazione beniniana, con 144 colonne che protegge una piccola Piazza di fronte alla scalinata della  Cattedrale.
È unica fra i principali edifici religiosi ad essere stata costruita da architetti e maestranze di altissimo valore professionale, con manodopera russa di diverse migliaia di persone e con una profusione di materiali preziosi (oro, marmi pregiati, dipinti, vetrate) da essere alla pari con altre famose Cattedrali nel mondo.

La Cattedrale è dedicata alla Madonna di Kazan’, una delle icone più venerate della Russia. Attiva chiesa ortodossa, Ingresso libero ogni giorno dal 6:30 al 20:00

 

 

La casa Singer, Nevskij, 28

La casa Singer

L’edificio era stato costruito per ospitare la filiale russa della Singer Company, che originariamente intendeva costruire un grattacielo, come a New York City con il Singer Building, ma essendo obbligata dal decreto dello Zar a non superare l’altezza del Palazzo d’Inverno si fermò sotto i fatidici 23,5 metri e nel 1902 iniziarono i lavori per la costruzione di un Palazzo in stile art nouveau, su disegno dell’architetto Pavel Suzor, un magnifico edificio con una torre che si innalza in alto che terminarono nel 1904.
La casa Singer oggi più nota come “Casa dei libri” è la più grande libreria della città, l’edificio ha sei piani per una superficie di circa 7000 m², la libreria ha una biblioteca e un accogliente caffè, un vero paradiso per gli appassionati della letteratura.

 

 

 

Basilica Santa Ekaterina, Nevskij, 32
La più grande Chiesa cattolica della città è la Basilica di Santa Caterina d’Alessandria, questa rappresenta una delle prime parrocchie cattoliche occidentali in Russia, fondata nel primo quarto del XVIII secolo., costruito tra il 1738 e il 1783 dall’architetto Domenico Trezzini.
L’edificio ha la forma di una croce latina, coronata da una grande cupola, la lunghezza dell’edificio è di 44 metri, la larghezza è di 25 metri, l’altezza è di 42 metri.
Nel 1984 uno spaventoso incendio distrusse l’interno della chiesa e solo nel 1992 finirono i lavori di ristrutturazione e nello stesso anno ci fu la riconsacrazione della Chiesa.
Oggi è l’unico centro cattolico dove i cittadini russi e i turisti provenienti da paesi cattolici possono seguire la messa.
La Basilica può ospitare allo stesso tempo circa duemila persone.

 

 

Palazzo del Consiglio Comunale

Duma della città di San Pietroburgo, Nevskij,33
La Duma è la casa del Governo della città, è un complesso di di rilevanza federale dove si la costruzione dell’edificio del ex consiglio comunale (Duma) e la Torre che uno dei edifici dominanti la Prospettiva Nevskij.
Nelle sale del Palazzo della Duma si svolgevano conferenze pubbliche e serrate letterarie dove F. Dostoevsky, A. Blok e S. Yesenin erano ospiti  abituali e si tenevano concerti.
La Torre della Duma  fu originariamente costruita come un edificio utile per segnalazione in caso di incendio e fu utilizzata con questi scopi dal 1850 al 1920, ora nella torre c’è un piccolo museo della Sberbank ( la più grande banca russa), dedicato alla storia del risparmio.

 

 

 

Gostinij  Dvor Nevskij, 35

Foto storica dei Magazzini Gostinij Dvor

Il Grande Magazzino Gostiny Dvor era il deposito delle carrozze dei commercianti, ma in seguito, nel 1761 con decreto della Zarina Elisabetta Petrovna  si decise di costruire un grande bazar e quello che vediamo oggi è il risultato della la ristrutturazione degli anni ’50 che ha recuperato il progetto originale di Jean Baptiste Vallin de La Mothe.
E’ un complesso enorme, realizzato con la forma di un trapezio irregolare, con il lato principale sulla prospettiva Nevskij, all’altezza dell’omonima fermata della metro, con la facciata che dà sulla prospettiva di 240 metri e il lato più lungo, che costeggia via Sadovaya, misura 400 metri.
Si presenta con forme classiche: una doppia fila di portici su ogni lato; nella facciata centrale c’è un timpano come nei templi greci, molto elegante e piacevole alla vista, con effetti prospettici spettacolari quando si osservano i portici e gli archi che sembrano continuare all’infinito.
Oggi oltre ad essere un monumento storico della città, sono, ancora i principali magazzini o centro commerciale, dove si trova di tutto, souvenir, a cartolerie, abbigliamento, elettrodomestici, alimentari, caviale e con tanti bei negozi di artigianato con ogni genere di prezzi che oscillano a seconda del tipo di negozio e della qualità di merce che si vende.
L’edificio è sotto la protezione dell’UNESCO.

 

Palazzo Anichkov, Nevskij, 39

Palazzo Anichkov-Sala interna

Non perdetevi i numerosi particolari architettonici del Palazzo imperiale Anichkov (1741—1753), il più antico edificio sopravvissuto sulla Prospettiva Nevskij, progettato per l’imperatrice Elisabetta, era la residenza privata più imponente di quell’epoca e sorge all’intersezione della Prospettiva Nevskij con il fiume Fontanka e prende il nome dalla vicinanza con Ponte Anichkov.
Cambiando spesso i proprietari il Palazzo ha subito diverse ricostruzioni diventando un edificio dai diversi stili,  da barocco si è trasformato in un esempio di architettura classicistica e fu completato dall’architetto Bartolomeo Francesco Rastrelli..
Dal 1991, il Palazzo ha iniziato a funzionare come una scuola per lo sviluppo della creatività dei giovani e degli interessi dei bambini.
Nel Palazzo è presente il Museo della storia del Palazzo Anichkov, però non c’è un’orario di apertura fisso, per informazioni: http://www.anichkov.ru/page/museum/.

 

 

Ponte Anichov, Nevskij, 39

Ponte Anichov: I quattro cavalli

È il ponte tra i più belli di San Pietroburgo, inaugurato il 20 novembre 1841 e prese il nome dal suo costruttore l’ingegnere militar Tenente Colonnello M. la sua bellezza è dovuta al famoso scultore russo Piotr Klodt quando dovuta negli anni 1843-1844  creò quattro composizioni sulla tema “La conquista del cavallo da parte dell’uomo”.

 

 

 

 

Palazzo di Beloselskij o Belozerskij, Nevskij, 41

Antica stampa di Palazzo di Beloselskij-Belozerskij e Ponte Anichov

Il noto architetto Andrei Shtackenschneider, di Pietroburgo, il capo progettista che creò i  padiglioni della Reggia Peterhof, fu il progettista del Palazzo, costruito nel periodo 1847-1848 nello stile del cosiddetto “neo-barocco russo” e si ritiene che si sia rifatto al modello del Palazzo Stroganov, progettato dall’architetto Bartolomeo Rastrelli.
Gli interni sono quelli originali e ben conservati. Le sale cerimoniali del 2 ° piano: la Sala di Quercia (ex biblioteca), ancora utilizzata come una piccola sala da concerto, la Galleria d’arte, la Sala principale da pranzo, la Sala beige, la Sala degli specchi una sala da ballo con un’acustica eccellente, destinata a concerti è ancora usata come tale ed  è stata conservata la decorazione artistica della metà del tardo XIX° secolo, così per i caminetti, le lampade, le modanature di stucchi, stupendi i dipinti, gli specchi e i mobili e molto altro.
Nel 1991, il Palazzo Beloselskij-Belozerskij ha acquisito lo status ufficiale di Centro Culturale di San Pietroburgo e vengono organizzate importanti mostre, concerti.
All’interno del Palazzo hanno sede varie organizzazioni come: il Centro di informazione turistica della città, il Museo della formazione della democrazia nella Russia moderna intitolato a Anatoly Sobchak.

 

Museo fotografico di Karl Bulla, Nevskij, 54

Museo fotografico di Karl Bulla

Il Museo dello studio fotografico di Karl Bulla, si trova  al quarto piano del palazzo.  Karl Bulla è passato alla storia come il “padre della storia fotografica russa”, si può vedere la prima fotocamera al mondo in assoluto e salendo le scale si può vedere le foto scattate dal signor Bulla della sua famiglia, dei dintorni e personaggi famosi fotografati. Lo studio fotografico esiste dal 1850, da quando le prime foto sono apparse in Russia, da non perdere l’esposizione, delle foto uniche del tempo dell’assedio di Leningrado. Dal balcone del museo, i visitatori possono scattare foto panoramiche con magnifiche viste su Prospettiva Nevskij ,via Sadovaya  e Piazza di Ostrovskij.

 

 

 

Emporio Eliseev, Nevskij, 56

Emporio Eliseev esterno

È un errore perdersi l’edificio dell’Emporio dei mercanti Eliseev, l’edificio fu costruito tra il 1902 e il 1903 dall’architetto Gavriil Baranovskij come negozio di articoli coloniali della società commerciale “Fratelli Eliseev”.
L’edificio si distingue dall’architettura classica della Prospettiva Nevskij con le sue vetrate colorate, sculture e finiture di lusso, uno dei migliori esempi dell’Art

Emporio Eliseev interno

Nouveau a San Pietroburgo. Sulla facciata sono installate quattro sculture di A. Adamson “Industria”, “Commercio”, “Arte” e “Scienza”. Il negozio Eliseevskij a San Pietroburgo è il fratello minore dello stesso negozio a Mosca, leggermente più piccolo per dimensioni e splendore, ma rappresentano una frenesia di ricchezza, teatralità e effetti ottici.
Al secondo piano dell’edificio si trova una sala teatrale, dove ora c’è un piccolo teatro.

 

 

 

La stazione di ferrovia “Moskovskaya”,Nevskij, 85

La stazione di ferrovia Moskovskaya

Una delle cinque stazioni operative di San Pietroburgo ed è uno dei patrimoni più importanti della cultura religiosa dei popoli della Russia ed è protetta dallo Stato.
L’edificio della stazione ferroviaria “Moskovskaya” fu costruita tra il 1844 e il 1851 ed è la “gemella” della stazione «Leningradskaya “costruita a Mosca. L’ingresso principale guarda sulla Piazza dell’insurrezione (fino al 1918  Piazza Znamenskaya), una delle piazze centrali di San Pietroburgo situata all’incrocio tra Prospettiva Nevskij e Prospettiva Ligovskij con al centro c’è un Obelisco dedicato a “Leningrado una città di eroi “.

 

 

 

Alexander Nevsky Lavra, Argine del fiume Monastyrka, 1

Monastero Alexander Nevsky Lavra

Il monastero di Aleksandr Nevskij, o Lavra (che significa monastero più importante, sotto la diretta responsabilità del Primate Ortodosso Russo) di Aleksandr Nevskij si trova all’estremità occidentale della Prospettiva Nevskij e rappresenta la fine del viale.
Fu fondato nel 1710, ed è il primo e il più grande monastero maschile della capitale del Nord, ed è molto bello.

Cattedrale della Trinità: interno

Venne eretto su ordine di Pietro I° il Grande in onore della vittoria ottenuta da Aleksandr Nevskij sugli svedesi durante la battaglia della Neva, combattutasi nel 1240 proprio sul luogo dove sorge il Monastero.
All’interno della cerchia muraria si trovano alcune chiese: la Cattedrale  della Trinità’ (1776-1790), la Chiesa dell’Annunciazione (1717-1724) e la Chiesa di San Teodoro (1742-1767).
All’interno del monastero c’è il Cimitero Tichvin, dove riposano alcune delle maggiori personalità della storia russa e della cultura mondiale, come: il Duca Alessandro Nevskij, Lomonosov, Dostoevskij, Gumilev, Carlo Rossi, Giacomo Antonio Quarenghi e i compositori russi Chajkovskij, Glinka, Musorgskij, Rimskij Korsakov e l’altri.

 

 

 

Una  passeggiata per Prospettiva Nevskij vuoi dire anche vedere altri numerosi musei, teatri, sale da concerto, negozi, cinema,  ristoranti, caffè nel viale e nelle vicinanze, fatevi coinvolgere dalla bellezza della città di San Pietroburgo perché è particolare, unica che non si trova da nessuna parte della Russia.

Buona Passeggiata !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *