Volgograd “città eroica di Stalingrado”

Panoramica dal fiume Volga

Volgograd è il capoluogo della Regione di Volgograd, è una delle Regioni della Russia europea e si estende per circa 90 km sul lato ovest del fiume Volga, nel punto in cui il fiume si avvicina maggiormente al Don, immediatamente a valle del bacino artificiale omonimo, ha una popolazione di circa un milione di abitanti ed è distante da Mosca per circa 900 km.

Una delle più importante strade di Volgograd è viale Lenin – lunghezza della strada più di 14 chilometri. La maggior parte delle piazze, viali e strade della città  portano i nomi di comandanti e i difensori di Stalingrado.

La città di  Volgograd ha una ricca storia e diverse curiosità riferite al cambiamento del suo  nome.

La città fu fondata nel 1598 come una fortezza militare affidata ai cosacchi, secondo l’ordine di Ivan il Terribile, dopo la conquista del regno di Astrachan e incorporato sul  territorio dal Regno di Mosca.

Il suo primo nome fu Zarizin (Zarina) è stato dato perché  originariamente la città fu costruita su un’isola del fiume che si chiamava Zarina, mentre le popolazioni di origine “turkski” chiamavano il fiume « sarah-su»  «acqua gialla».

Volgograd la “Battaglia di Stalingrado”

Nel 1925 cambiò nome in Stalingrado in onore di Stalin, nella seconda guerra mondiale la città assunse su di se la priorità delle manovre delle armate tedesche che invadevano la Russia, infatti  subì quella che parve a molti la battaglia decisiva del grande conflitto tra Russi e tedeschi (battaglia di Stalingrado), che ridusse la città a un cumulo di macerie, distruggendo il 100% della città, soprattutto la parte antica.

Nel novembre 1961, durante gli anni del rifiuto del culto della personalità stalinista, per decisione dell’allora Segretario generale del PCUS Nikita Chruščёv alla città venne cambiato di nuovo il nome in “Volgograd” (la città del Volga).

Grazie all’eroismo dei suoi abitanti e dell’esercito russo alla città fu riconosciuto un merito importante nella storia della resistenza della Russia al nazismo e l’8 maggio 1965 è stato dato il nome officiale di “Città eroe dell’Unione Sovietica”.

Monumento alla città eroica

Per non perdere la memoria della vittoria nella Battaglia di Stalingrado, che ha cambiato il corso della Seconda Guerra Mondiale, in città ci sono tanti posti consacrati a tramandare l’eroismo dei combattenti e moltissimi monumenti come: la statua dedicata a Mamayev Kurgan (La  Madre Patria!), la statua più alta della Russia e riconosciuta come una delle sette meraviglie della Russia, il Museo panoramico della Battaglia di Stalingrado, la Casa di Pavlov – ultima ridotta tenuta dal Sergente Jacov Pavlov, che resistendo per più di un mese impedì lo sfondamento del fronte ai tedeschi  e molti altri luoghi memorabili della storia del quel periodo.

La città totalmente ricostruita è oggi una città moderna, bella e ospitale con una natura unica.

Solo qui si può vedere la più grande isola fluviale della Russia  “Sarpinskij”, con una superficie di 10 ettari e con 25 laghi naturali.

Nella regione di Volgograd, si possono visitare lo splendido Lago di fiori di loto (tempo di fioritura agosto-settembre), il Lago di Elton, il Parco naturale di “Scherbakovsky” e i Parchi naturali di “Tsimlyansky Sands”, quello del “Don”, quello di “Nizhnehopersky” e quello di “Ust-Medveditsky”.

Volgograd il Fiume Volga

Da non perdere un giro sul tram sotterraneo che si colloca al quarto posto nella lista delle 12 più interessanti linee tranviarie del mondo secondo la rivista “Forbes.

Nella città si svolgano diversi eventi come: le ricostruzioni storiche militari, diversi festival e rappresentazioni enogastronomiche come il festival della senape e il festival dei cocomeri.

Volgograd è godibile anche visitandola in bicicletta.

La città è servita dall’Aeroporto di Volgograd, importante scalo aeroportuale internazionale della Russia meridionale. La compagnia aerea russa Volga-Aviaexpress che ha la propria base all’aeroporto effettua i voli di linea da e per Mosca e San Pietroburgo, oggi è possibile raggiungere  Soči, sul Mar Nero.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *