News

San Pietroburgo: la migliore destinazione turistica mondiale 2018

Il 1° dicembre a Lisbona (Portogallo), è svolta la cerimonia di premiazione del premio turistico più prestigioso: il World Travel Awards, una specie di premio “Oscar” nel settore del Turismo. Secondo il WTA 2018, San Pietroburgo è stata riconosciuta come la miglior destinazione culturale turistica (World’s Leading Cultural City Destination) e si è confermata per il terzo anno consecutivo il titolo mondiale e quest’anno  la capitale settentrionale della Russia è stata riconosciuta anche come il miglior posto in Europa per una crociera. La città di San Pietroburgo è riuscita a vincere la concorrenza di grandi e importanti rivali come: Parigi, Londra, Roma, Venezia, Sydney, New York, Rio de Janeiro, Pechino e Quito. Le fasi della selezione prevede che i candidati superino due turni: nella prima fase, le città vengono selezionate tramite votazione online e al secondo turno i rappresentanti delle città in gara vengono convocati dalla giuria, composta da professionisti dell’industria, del turismo e rappresentanti dei media turistici. La scelta affronta  diversi criteri: la relazione tra cultura e bellezza, sommata alla qualità dei trasporti, agli alberghi, valutati per qualità di servizi, dei prezzi che devono essere al di sotto della media delle grandi metropoli mondiali, una sicurezza di base ed altri fattori come la propensione all’accoglienza del turista. La “Città sulla Neva”, così i russi chiamano la loro capitale culturale, quest’anno è stata visitata da oltre otto milioni di turisti.. Il World Travel Awards è nato a Londra nel 1993 con l’idea di premiare l’eccellenza nei vari settori dell’industria del turismo, oggi, il World Travel Awards è un brand di qualità mondiale, una sorta di “bibbia” che ci informa dove si indirizza il turismo che conta. San Pietroburgo è un centro culturale estremamente vivo, una città con la storia di alcune centinaia di anni (San Pietroburgo venne fondata nel 1703), ma traboccante di storia, di eventi, di tragedie, di miti e leggende, che fanno parte della storia mondiale . San Pietroburgo è una metropoli che ha saputo mantenere una propria anima poetica, giovanile, cosmopolita che vale la pena di visitare almeno una volta nella vita!  

Restaurata la Chiesa di San Giovanni Benedetto a Mosca

Per i credenti e per tutti i visitatori che entreranno nella Cattedrale di San Basilio sulla Piazza Rossa a Mosca, dal 23 novembre 2018 potranno pregare e visitare l’ undicesima Chiesa nella Cattedrale dell’Intercessione della Madre di Gesù sul Fossato, più nota come la Cattedrale di San Basilio.   L’edificio originale, noto come la Chiesa della Trinità e successivamente come Cattedrale della Trinità, constava di otto Chiese laterali distribuite intorno alla nona, centrale: la Chiesa dell’Intercessione, la decima Chiesa venne eretta nel 1588 sopra la tomba del venerato Santo Basilio il Benedetto, da cui prese il nome conosciuto, oggi da tutti.   La Cattedrale, percepita come il simbolo in terra della Città celeste, era ed è popolarmente conosciuta dai credenti ortodossi come la Gerusalemme e rappresenta l’allegoria del Tempio di Gerusalemme e durante l’annuale parata della Domenica delle Palme avviene la processione capeggiata dal Patriarca di Mosca.   Nella cattedrale le dieci Chiese sono consacrate in onore di santi e commemora la vittoria di battaglie decisive vinte da Ivan IV il Terribile a Kazan. La Chiesa restaurata è quella dedicata a San Giovanni il Beato, costruita nel XVII° secolo ed era chiusa da ben 90 anni, infatti era dal 1929 che la Chiesa di San Giovanni il Beato era inaccessibile ai pellegrini e ai visitatori, come lo è stato sino al 1997, quella dedicata a San Basilio. Durante il periodo in cui le Chiese erano inaccessibili per la visita, tutti gli oggetti del suo arredo erano accuratamente conservati nel Museo Storico di Stato a Mosca.   La chiesa di San Giovanni il Beato fu eretta a ridosso della Cattedrale dopo che furono ritrovate le reliquie del santo nel 1672, oggi è visibile la reliquia principale: le catene di ferro, che, secondo la leggenda, tenevano San Giovanni il Beato.   I restauri, durati dal 2016 al 2018, hanno ripristinato le pareti in mattoni, che divide la parte dedicata a San Basilio, il soffitto e il pavimento e sono stati scoperti frammenti di affreschi del XVII° e del XIX° secolo. La maggior parte delle icone che formavano l’antica iconostasi di questa chiesa sono state conservate e la loro sistemazione è stata eseguita in conformità con le fotografie fatte nel 1935 e le così dette Porte Reali del XVIII° secolo rioccupano il posto centrale che hanno sempre avuto.  

L’Italia ospite d’onore al VII° Forum Culturale a San Pietroburgo.

Dal 15 al 17 novembre 2018, a San Pietroburgo si terrà il VII° Forum culturale internazionale  dove parteciperanno non meno di 150 Paesi e una presenza di piu di 30 mila partecipanti. Il Forum è riconosciuto come uno degli eventi culturali più importanti a livello mondiale che attrae ogni anno migliaia di esperti da tutto il mondo: star del teatro, stelle dell’opera e del balletto, direttori, attori di cinema, scrittori, personalità pubbliche e rappresentanti delle Istituzioni. In questo Forum l’Italia si è vista riconoscere come: Stato ospite d’onore. Lo status speciale di “Paese ospite“, introdotto nel 2016, sottolinea le speciali relazioni umanitarie e culturali che intercorrono tra le due nazioni e che contribuiscono al loro sviluppo con progetti e programmi culturali di partenariato ed è un indicatore dello sviluppo delle relazioni e sottolinea l’importanza di una cooperazione positiva. Per questo  il programma del Forum prevede più eventi dedicati all’Italia che iniziano il 15 novembre, nello storico edificio dell’Accademia Russa delle Arti sul Lungofiume della Neva. Nell’ambito del VII° Forum Culturale Internazionale di San Pietroburgo, si terrà una conferenza internazionale sull’educazione artistica con la partecipazione dei Direttori e i professori delle Accademie d’arte italiane: l’Accademia delle Arti di Torino, l’Accademia delle Arti di Venezia, l’Accademia delle Arti di Roma, l’Accademia delle Arti di Urbino, l’Accademia delle Arti di Bologna, l’Accademia delle Arti di Carrara. Sarà visibile l’esposizione dei lavori dei laureati delle Accademie d’arte italiane, organizzata con collaborazione dall’Accademia d’arte “Il’ja Efimovič Repin” con 50 pitture e opere grafiche di giovani artisti provenienti dalle 10 principali accademie d’arte italiane, selezionate appositamente per l’evento di San Pietroburgo. Altro evento significativo proposto dal Forum è la presenza di attori, artisti e protagonisti del mondo della cultura italiana: l’attore e regista Tony Servillo che presenta per la prima volta in Russia un suo spettacolo “Elvira”. La presenza delle personalità italiane saranno guidate dal Dott. Pasquale C. Terraciano  Ambasciatore d’Italia in Russia insieme ad altri numerosi rappresentanti di Istituzioni culturali, da  politici e personaggi pubblici italiani come: Sergio Escobar direttore del Piccolo Teatro di Milano –  dal regista Paolo Genovesi, Marco Ginesi Console Russo della Regione Marche, Pier Luigi Capucci uno dei più grandi esperti di sistemi e linguaggi di comunicazione e nuove forme estetiche in relazioni tra arti, scienze e tecnologie. Al forum parteciperà  il Ministro della Cultura italiana Alberto Bonizoli, che  aprirà la Mostra “Pompei” organizzata in collaborazione con il Museo dell’ Hermitage, dedicata agli ultimi scavi archeologici fatti a Pompei.

Mosca è una delle tre città più fotografate al mondo.

Mosca nel 2018 è stata tra le tre città più fotografate al mondo, il punteggio è stato fatto sulla una statistica elaborata da Dreamstime, il più grande stock provider del settore fotografico. Prima in classifica  è  New York, infatti gli utenti del provider hanno caricato 356.747 foto della metropoli americana sul photostock di Dreamstime. Al secondo posto Ia capitale russa che è distaccata dalla prima con circa 20 mila foto in meno di New York, ma con circa 80 mila foto di Londra , che conquista il terzo posto. Sicuramente il buon piazzamento di Mosca è dovuto al il Mondiale di calcio, anche se la città ha molte attrattive, sia di natura architettoniche, storiche e una lunga lista le attrazioni turistiche che prima di campionato il Sindaco ha restaurate e abbellite e oggi la capitale russa è da vero un sogno per qualsiasi fotografo! Nella lista ci sono: Bangkok, Parigi, Roma, Los Angeles, Venezia, Hong Kong, Istanbul, Barcellona, ​​Praga, Pechino e Singapore.

Il Passaporto turistico Golden Ring, nuove opportunità

Il Passaporto turistico Golden Ring: un programma di fidelizzazione per i turisti   Dopo il grande successo del Mondiale di calcio dove ai turisti è stata proposto un servizio con la formula del così detto passaporto turistico, oggi il Ministero del Turismo lo propone, anche sui percorsi turistici più frequentati in Russia, inserendo nuove novità. I Dipartimenti turistici delle Regioni di Yaroslavl e Vladimir, per il percorso dell’itinerario turistico “Anello d’oro della Russia“, il percorso più importante insieme al tour di Mosca e San Pietroburgo, che attraversa le più antiche città della Russia nord-orientale, dove ci sono monumenti unici di storia e cultura, propongono il Passaporto “Golden Ring”. Il progetto è un vero e proprio programma di fidelizzazione per i turisti russi e stranieri, infatti i viaggiatori possono acquistare il passaporto turistico “Golden Ring”, un documento che offre una serie di vantaggi e sconti durante la visita delle città lungo questo itinerario turistico, sulle tariffe degli hotel, sui tour in città e le visite ai musei. Il passaporto turistico è dotato di una fotografia personale del proprietario, il costo è di 1.000 rubli (€. 12,50) e il periodo di validità 10 anni. Come nel passaporto, si potrà mettere un visto sulla visita della città del “Golden Ring”. Saranno messi a disposizione stampati, adesivi e francobolli che i turisti potranno raccogliere e inserire nelle pagine del documento del viaggio. Il passaporto può essere acquistato a Yaroslavl nell’ufficio speciale nella città di Yaroslavl, via della Rivoluzione, 30 (улица Революционная) e Vladimir nell’ufficio di via Mira, 36 (улица Мира), ma presto si potrà acquistarlo anche a Kostroma. Il passaporto potrà essere un utile partner per ampliare il numero dei turisti nelle nove città dell ‘”Anello d’oro”: Yaroslavl, Kostroma, Ivanovo, Suzdal, Vladimir, Mosca, Posad, Pereslavl e Rostov Veliky, Uglich.

Park “Zaryadye” di Mosca visitato da 10 Ml di visitatori.

Park “Zaryadye” di Mosca uguale al Louvre e al “Golden Bridge” di San Francisco.   Il Parco di Mosca “Zaryadye” è stato incluso nella lista dei 100 posti da visitare del mondo, secondo la rivista Time e dalla catena televisiva CNN. Gli esperti della rivista americana hanno stilato una lista in cui presentano i 100 luoghi più interessanti del mondo senza una classificazione, ma consigliano di visitarli. Uno di questi posti è il Parco paesaggistico “Zaryadye” aperto tutto l’anno a Mosca. Il parco è stato progettato dagli architetti americani Diller Scofidio / Renfro, che hanno creato il parco High Line di New York. La rivista statunitense faconoscere che il parco ha una sala da concerto molto bella, una grotta di ghiaccio e un ponte che assomiglia a un boomerang che permette ai visitatori di affacciarsi sopra il fiume Moskova. Dalla sua apertura nel settembre 2017, “Zaryadye” è stata visitata da quasi 10 milioni di persone.

Festival “Il Circo delle Luci” a Mosca

Dal 21 al 25 settembre a Mosca inizia un Festival internazionale “Circle of Light”. Uno Show di Luci e Suoni dove residenti e visitatori potranno vedere in maniera del tutto originale diversi luoghi famosi come : la Piazza del Teatro Bolshoi, nel Parco della Vittoria,  sulla Collina Poklonnaya, al Museo “Caricyno” e nel canale di canottaggio nel “Kolomenskoye“. Per gli schermi giganti per le proiezioni video saranno utilizzate le facciate degli edifici dei teatri Bolshoi e Maliy, il Teatro Accademico russo della gioventù (Ramtha) e il Museo della Vittoria, il portale ufficiale del Municipio di Mosca. Saranno proiettati diverse immagini dove il pubblico potrà vedere la bellezza dei monti Urali e paesaggi della Crimea, della Siberia e dell’Estremo Oriente, guardando sino all’Oceano Pacifico. Appariranno grandi personaggi: ingegneri, militari, poeti, scrittori che hanno fatto grande la russia. Nella Piazza del Teatro Bolscioi, durante il festival, è possibile vedere una storia dedicata al leggendario gladiatore Spartacus. Nella “Kolomenskoye” ci sarà un video-show, i cui protagonisti saranno personaggi riproposti da storie per bambini e molto altro ancora.

Il leggendario incrociatore russo “Aurora”

Il leggendario incrociatore russo “Aurora” ormeggiato a San Pietroburgo è incluso nella lista del World of Special Tourist Attractions con la Torre Eiffel e il Taj Mahal. L’incrociatore  “Aurora” la mitica nave della Rivoluzione russa, è dal 1957 un museo storico , ancorato sul fiume Neva a San Pietroburgo. Il Comitato internazionale per l’attrattività turistica e lo sviluppo sostenibile, durante un incontro a Johannesburg ha deciso di includere l’incrociatore Aurora nella sua lista di siti turistici speciali e il 1 ° agosto 2018 è stato consegnato all’equipaggio della nav il certificato internazionale. L’incrociatore russo Aurora è uno dei simboli della Rivoluzione d’Ottobre del 1917, costruito nei cantieri navali di San Pietroburgo e varato l’11 maggio 1900. Il 7 novembre del 1917 (il 25 ottobre secondo il calendario giuliano) dall’incrociatore Aurora fu sparato verso il Palazzo d’Inverno il primo colpo di cannone (a salve) segnale che diede il via alla rivoluzione bolscevica. Nel settembre 2014 iniziarono i lavori di restauro presso i cantieri navali di Kronstadt e attualmente si sta riparando lo scafo e contemporaneamente si è rinnovata l’esposizione museale, con la ricostruzione,  con arredamenti storici, l’interno della nave. L’ultima riparazione dell’Aurora è avvenuta nel 1984. L’incrociatore “Aurora” è parte del patrimonio culturale della Federazione Russa, una reliquia della Marina russa e tutt’oogi fa parte della Flotta della Marina Militare russa. La lista mondiale dei siti di speciale attrazione turistica comprende altri 24 luoghi situati in Russia, tra questi sono annoverati:  il Cremlino di Mosca, la Galleria Tretyakov, il Teatro Bolshoi, l’Hermitage, il Lago Baikal, il Festival dei Tulipani in Kalmykia. La presenza l’incrociatore Aurora nel lo stesso elenco con altre meraviglie mondiali come: il Ponte Carlo a Praga, la Torre Eiffel a Parigi,  il Taj Mahal ad Agra,e l’altri è un grand orgoglio per i russi!

Mosca: Il primo festival internazionale della “cucina russa”

Il primo festival internazionale “cucina russa” si terrà a Mosca   Dal 16 giugno al 15 luglio 2018 per i turisti italiani che saranno a Mosca per il Campionato Mondiale di Calcio potranno cogliere l’occasione per gustare la cucina russa al Primo Festival Internazionale di “Cucina russa”. L’evento è stato organizzato dall’ Associazione Culinaria di Mosca nel “Complesso Culturale Cremlino di Izmailovo”, con la collaborazione del Consiglio per lo Sviluppo dell’Etnoturismo, dall’Assemblea dei Popoli dell’Eurasia, dall’Unione dei giovani professionisti (Worldskills Russia). Per i visitatori del festival saranno organizzate mostre per fare conoscenza con una varietà di piatti della cucina tradizionale e moderna russa, così come la cucina dei popoli della Federazione Russa, della pasticceria e la possibilità di assistere alla preparazione della bevanda nazionale come la Sbiten. Nel programma dei giorni della mostra ci saranno giorni dedicati a: L’alta cucina (tendenze moderne dagli chef dei ristoranti russi); La cucina letteraria (piatti preparati secondo le ricette presenti nelle opere dei classici della letteratura russa: Tolstoj, Dostoevskij, Puschin e l’altri; Cucina della tradizione russa (delle vere casalinghe prepareranno un pranzo per gli ospiti, con i loro migliori piatti); Cucina storica (ricercatori e storici delle ricette preparano piatti rari e antichi della cucina russa); Cucina delle regioni e dei popoli della Russia (i piatti della autentica cucina delle Regioni russe) rappresenteranno la ricchezza e le varietà e diversità della cucina russa. Il programma prevede anche eventi musicali e di animazione che soddisferanno gli ospiti del festival con esibizioni di artisti di vari generi musicali e la vendita di numerosi souvenir realizzati da maestri artigiani russi.   Entrata libera

La chiusura delle fontane di Peterhof (San Pietroburgo): uno spettacolo da non perdere.

La chiusura delle fontane di Peterhof (San Pietroburgo): uno spettacolo da non perdere.   Il 15 settembre 2018, si svolgerà una grande festa per la chiusura delle fontane del Castello di Peterhof. La festa si svolge ogni anno ed è sempre magnifica e rimane a lungo nella memoria di chi ha la fortuna di assistervi. Gli organizzatori della manifestazione ogni anno organizzano una esibizione sempre nuova, sfruttando la bellezza dell’d’acqua delle fontane che attraverso un gioco di luci di vari colori  e le raffinatezze architettoniche che circondando le fontane sono una scenografia unica, che rende speciale lo spettacolo. Peterhof è  una delle Reggie degli Zar, sulle rive del Golfo di Finlandia, edificata per volere di Pietro I° Il Grande tra il 1714 e il 1723 e fa parte delle Sette meraviglie della Russia. Situato nell’omonima cittadina, a circa 20 chilometri ad ovest da San Pietroburgo, questa reggia comprende diversi e numerosi palazzi, su un’estensione di una superficie di 607 ettari ed è inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità stilato dall’Unesco. Gli eventi principali si svolgono vicino al Palazzo Great Peterhof e i visitatori  potranno godere lo spettacolo presso a cascata “Grande“. La Grande cascata, che originariamente era ornata da statue in piombo che purtroppo furono danneggiate dagli agenti atmosferici, furono sostituite da sculture di bronzo nel 1799, la sua magnificenza è data, anche dalla presenza di altre 64 fontane e 225 sculture in bronzo, oltre a molti altri motivi decorativi. Nel Parco ci sono 4 cascate e altre 191 fontane e il giorno della festa saranno tutte funzionanti e godibili ai visitatori. Il tema dello spettacolo acquatico della chiusura della stagione di 2018 è ancora tenuto in segreto, però come negli anni precedenti, il programma prevede una spettacolo teatrale che offrirà l’opportunità di vedere la ricostruzione di un evento storico accaduto in Russia al tempo della famiglia reale o la rappresentazione di una favola russa con i personaggi fatati e mitici. La celebrazione prevede, anche musica classica e spettacoli di balletto. Il programma prevede come finale per gli ospiti un grande show di fuochi d’artificio e al termine dello spettacolo avverrà la chiusura delle fontane per la stagione invernale Uno spettacolo da non perdere!  

Le “Notti Bianche” di San Pietroburgo tra i 20 migliori eventi culturali del 2018

Il festival “Notti Bianche” è stato incluso nei top 20 dei più brillanti eventi culturali   Il festival “Le notti bianche” di  San Pietroburgo è entrato nei 20 migliori eventi culturali del 2018. Secondo l’inglese di The Telegraph San Pietroburgo durante le notti lunghe e  luminose, quando i tramonti si cambiano con le albe, la città offre spettacoli indimenticabili a tutte le ore e in tutti i luoghi culturali come al Teatro Mariinsky che in quel periodo presenta un ricco programma di opere e balletti. La città di notte assume un aspetto fantastico, infatti viene proposto un carnevale che coinvolge grandi e piccoli, cittadini di San Pietroburgo e turisti rallegrati da fuochi d’artificio, delle compagnie di artificieri più importanti del mondo che colorano il cielo e le rive e il fiume Neva. Il Festival “White Nights” di San Pietroburgo si terrà dall’8 giugno al 5 luglio 2018, facendo attenzione di verificare le date che potrebbero cambiare in relazione alla Coppa del Mondo di calcio, poiché la città è una delle sedi  che ospita partite di girone e le semifinali.

AL VIA LE “STAGIONI RUSSE” IN ITALIA: Un festival d’arte che coinvolgerà 40 citta’ italiane

Domenica 14 gennaio si è svolta la cerimonia d’apertura del festival “Stagioni Russe”, patrocinato dal Governo della Federazione russa voluto dal Governo russo con la supervisione del ministero della Cultura russo. Una grande occasione per i cittadini italiani appassionati di cultura, di  arte russa, per tutto il 2018 prende corpo un Festival nel segno dei grandi eventi che saranno proposti in più di quaranta città italiane. Il vastissimo programma prevede spettacoli teatrali, opere liriche, concerti, balletto e mostre, nonché rassegne cinematografiche. Tra gli scopi di questo importante evento culturale è quello di  avvicinare il pubblico italiano ai “miti” dell’arte russa rappresentati dalle compagnie dei teatri: Bolscioi, Mariinskyi e Aleksandriyaskiy, le orchestre della Filarmonica di Mosca,  di  San Pietroburgo e dalle esposizioni dei musei Ermitage, quello di architettura Shiuseva e di altre importante realtà museali. Il Vicepresidente del Governo della Federazione Russa Olga Golodets, il Ministro della Cultura Vladimir Medinskyi, l’Ambasciatore della federazione Russa in Italia Sergey Razov, nonché numerose altre personalità sia italiane che russe anno illustrato il valore di questa iniziativa, che mette in evidenza gli ottimi rapporti bilaterali tra la Russia e l’Italia. Dopo la Cerimonia di apertura del Festival  il Direttore dell’Orchestra del teatro Mariinskiy Valery Gergiev. Ha diretto due sinfonie di Pëtr Il’ič Čajkovskij. Per maggiori informazioni e richieste d’accredito il contatto: Tel.+ 39 348 0615875 – Mail: russianseasons@teamone.one SCARICA IL FILE Programma eventi Stagioni russe in Italia