Gus Khrustalnij, la Città di Murano russa nella Regione di Vladimir

A 70 chilometri a sud della capoluogo della regione di Vladivir, fra i vasti boschi sul fiume Gus ( tr. l’oca) si trova la città di Gus Khrustalnij un famoso centro della produzione di vetri artistici e di cristallo.

Cristalleria

Il centro storico risale al XVII secolo, ed è stato un antico centro, importante dell’industria vetraria (nel 1756, fu costruito il primo importante stabilimento per la fabbricazione del cristallo), le lavorazioni del cristallo di Gus iniziano dal 1865 e negli anni successivi lo stabilimento prende diverse medaglie d’oro alle esposizioni nazionali e una medaglia di bronzo al Salone Mondiale di Parigi nel 1900.

Lo stabilimento prende il nome di Gus’-Mal’cevskij, dal nome della famiglia proprietaria dello stabilimento e venne rinominato con il presente nome Gus Khrustalnij (il cristallo, in russo è  chrustal), nel 1926, quando il Soviet diede lo status di Azienda di Stato diventando una delle più grandi della Russia e assurse ad importanza mondiale.

 

Cristalleria

Per i russi, l’arte del vetro soffiato è sinonimo di Gus-Khrustalnij, come per gli italiani lo sono i vetri di Murano.

I Successi conseguiti esportarono la produzione  in molti paesi del mondo e Carl Faberge era un loro cliente abituale che acquistò i pezzi pregiati delle loro collezioni, la fabbrica era l’unico fornitore per la corte imperiale.

 

 

 

Museo del Cristallo

Museo del Cristallo

Nella città si può visitare il “Museo del cristallo“, interamente dedicato a quest’arte, si trova nel edificio dell’ex Cattedrale Georgievskij costruita nel periodo 1892-1903, ed è un capolavoro dello “stile della architettura  russa“.

Nel museo si possono ammirare le migliori opere di grandi maestri e artisti del cristallo, lungo un periodo che va dalla seconda metà del XVIII secolo fino di oggi, con una collezione che vanta più di 2 mila oggetti esposti.

 

Il viaggio nella cittadina di Gus Khrustalnij vi permetterà di godere di un centro di storia della cultura popolare russa all’aria aperta, dove si potranno vedere le vere case  russe in legno, con le antiche stufe, i pozzi per l’acqua e altri oggetti di vita popolare del XIX-XX secolo.

Da non dimenticare, il Parco nazionale “Meshchora”, che attrae ogni anno migliaia di turisti, dove vengono offerti spettacoli di folclore nazionali.

Parco nazionale “Meshchora”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *