Il Clima che troverete in Russia

 

Paesaggio invernale

La Russia ha l’estensione di un continente e il suo territorio ha una gran varietà climatica che va dal freddo dei poli artici, ai climi secchi e aridi delle Regioni del sud.
Complessivamente, la prevalente della posizione del suo territorio è settentrionale, per questo predominano i climi freddi o temperato-freddi.
Quasi ovunque il clima è soggetto ad una forte continentalità, con differenza stagionali molto marcate, che diventano addirittura esasperate nella Siberia orientale.

 

A Mosca il clima è continentale e tra giugno e luglio l’estate è molto calda, con massime che spesso vanno oltre i 30°C.  Alla fine d’agosto arriva il “zolotaja osen”, l’autunno dorato, dove lo spettacolo sono i colori degli alberi che vanno dalle tonalità giallo tabacco a quelle color mattone e si ha la fortuna di viaggiare fuori le grandi città l’immagine dei boschi rimarranno per lungo tempo nella nostra memoria. Ottobre e novembre sono i periodi più bagnati, a novembre è sicuro vedere la prima neve che annuncia il “Generale Inverno” con un freddo secco capace di arrivare a -25/30 che si protrae fino a tutto aprile.  A marzo inizia il disgelo e a maggio si affaccia la primavera, ma questo mese è così variabile (i turisti che si sono recati a maggio 2017 hanno trovato la neve) che potrebbe anche ritardare l’estate.
Quindi nella vostra valigia prevedete sempre di portare pochi capi di abbigliamento utile al tipo di clima variabile.

 

Nuvole sul Volga

S. Pietroburgo rispetto a Mosca è molto più umida, qui i temporali sono frequenti e improvvisi perciò si raccomandano ombrello, k-way e scarpe antipioggia nelle cosi dette stagioni primaverili/estive, ma la città saprà ricompensarvi della vostra presenza, dovete sapere che a partire dal 21 di giugno e per un mese il sole non tramonterà del tutto,  dando origine al fenomeno delle Notti Bianche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *