Gli Ultimi Articoli inseriti

Dolci russi: la Pastila

Pastila  — Пастила  Un dolce classico della cucina russa, conosciuto dal XIV sec,  il suo nome probabilmente deriva dal latino “pastillus”, che significa “focaccia – schiacciata” e vede presenti ingredienti come il purè di mele, il miele e le uova. Si tratta di un dolce leggero, gustoso e ipocalorico. La pastila tradizionale viene preparata nella stufa  russa (Русская печь), presente nelle antiche case, dove era l’unico riscaldamento di tutta la casa, veniva costruita al centro della stanza principale e irradiava calore e la notte era il letto per i vecchi e i bambini. Oggi  questo tipo di riscaldamento è presente esclusivamente nelle dacie (le seconde case di campagna dei russi). Questa stufa ha una particolarità mantiene un calore costante e quando si prepara per andare a dormire non viene più alimentato il fuoco e la diminuzione del calore, viene utilizzato per l’essiccazione uniforme del composto fatto dalla purea di mele, miele e albume. La pastila più famosa è quella di Kolomna, una città a circa 100 km da Mosca.     Ingredienti per 4 persone:  Mela dolce  850-900 g, Miele  150 g, Uova  1 pz., Zucchero a velo   — 2 cucchiai.       Preparazione: Preparate il forno a 100 gradi. Mettete  le mele intere a  stufare con un po’ d’acqua in forno per 30 minuti, alla temperatura di 180/200 gradi. Togliete dalle mele, la buccia e i semi per ottenere una polpa pulita. Con un blender triturate la polpa di mele aggiungendo il miele fino ad avere una purea. Sbattete l’albume dell’uovo fino ad avere una perfetta montatura spessa e stabile. Unite delicatamente la chiara montata con la purea di mele e miele e mescolate ancora. Prendete uno stampo da forno delle dimensioni di 20×30, coprite fondo e pareti con carta-forno o carta alluminio. Versate nello stampo e livellate la massa tenendovi sotto i bordi. Infornate nel forno già a 100 gradi per 4 ore. Tagliare la pastila fredda con un coltello a quadretti/strisce e cospargere di zucchero a velo.    

Una tradizione russa: i mandarini in tavola a Capodanno

I primi mandarini sono stati portati in Russia dalla Cina, dove la tradizione di mangiare e anche regalare questi frutti durante la festa di Capodanno, aveva il significato di augurare ricchezza e benessere per il nuovo anno. In Russia con i mandarini non è stata introdotta, anche la tradizione cinese, ma solo avere un buon frutto a tavola! Nel periodo sovietico, i mandarini erano l’unica frutta, più conveniente, nel periodo invernale, quindi sulla tavola di Capodanno per la maggiore parte del popolo comprare i mandarini era l’unica soluzione. Per motivi naturali i mandarini maturano proprio a dicembre nei territori  delle Repubbliche di Georgia, Abkhazia e Crimea, che nell’epoca dell’ Unione Sovietica erano un serbatoio agricolo. Questo frutto  portava sulla tavola dei russi colori festosi e un sapore fresco e speciale tanto da far passare in secondo piano la sobrietà di una tavola di quel periodo. La prima grande fornitura di mandarini, per la tavola dei russi fu fatta nel 1963, alla vigilia del Capodanno dalla città di Leningrado (dal 1991 San Pietroburgo) alle Repubbliche di cui sopra. I mandarini furono esauriti in pochi giorni, ma le famiglie lasciarono una buona scorta per abbellire la loro tavola, per renderla gioiosa e soddisfare i propri ospiti con un frutto nuovo.     Dopo il successo di San Pietroburgo e visto la soddisfazione della popolazione ad un livello elevato, fu deciso di garantire questo frutto a tutte le città dell’Unione Sovietica, specialmente a dicembre, ma soprattutto per la festa di Capodanno, questo sino ai tempi della perestrojka, dove i mandarini sono rimasti il simbolo del nuovo anno e l’unico frutto sugli scaffali dei negozi. Ora nei supermercati in Russia ci sono molti frutti diversi, ma la tradizione dei mandarini sulla tavola di Capodanno rimane inalterata. Oggi sulla tavola dei russi ci sono diverse decorazione, ma la principale, insieme ai rami d’abete c’è il mandarino usati per fare centro di tavola e segna posti della festa più amata dai russi.     C Новым годом !!!

Ricetta russa: Zuppa mista di carne e cetrioli in salamoia

Zuppa mista di carne e cetrioli in salamoia – Солянка  (Solanka)   Ingredienti per 4-6 persone 400 gr. carne di manzo, 100-150 gr. prosciutto, 250 grrognone, 250 grlingua di vitello, 2 salcicce, 300 gr. di potate, 150 gr. di cipolla, 100 gr. di pomodoro, 2 cucchiaini di passato di pomodoro, 300 gr. di cetrioli salati/salamoia, 3-3,5 l. di acqua, 40 gr. di burro, 20 gr. di olio extravergine, una manciata di capperi, 100gr di olive secche, sale e pepe q.b., 2-3 foglie di alloro, succo di ½  limone, 10 gr di aneto, 10-15 gr di cipolla verde, panna acida (yogurt greco).     Preparazione Prendete una pentola  capace di 4-5 litri, versate l’acqua, mettete la carne di manzo, il rognone e la lingua di vitello nella pentola e portate ad ebollizione, togliate la schiuma e lasciate formare il brodo per circa 1 ora. Pulite le cipolle e affettatele minutamente, rosolatele sulla padella con il burro e olio extravergine. Aggiungete al passato di pomodoro un po’ di brodo e cuocete per 5 min. Affettate i cetrioli (non buttate via la salamoia, dovete utilizzarla a vostro gusto per insaporire il brodo). Tirate fuori dal brodo tutto la carne e affettatela. Nel brodo pronto mettete le patate affettate a cubetti, aggiungete i cetrioli, i pomodori senza la pelle tagliati in 4 parti, i capperi, le olive secche, le foglie di alloro e la carne e  cuocete per alri 15 min, mescolate. Aggiungete il sale, il pepe e aggiungete la salamoia tenuta da parte (attenzione, mettete piccole dosi sino a trovare quella che vi aggrada). Spegnete il fuoco e lasciate la pentola senza coperchio. Il gusto della questa zuppa e acida-piccante. Prima di presentarla aspettate almeno un 1 ora. Preparate la verdura da spolverare sulla salanka, affettate minutamente la cipolla verde e l’aneto mescolate insieme il tritato, questo mix  verrà spolverato sopra la zuppa ( noi suggeriamo di metterla, ma se qualcuno pensa che diventi troppo aromatizzata, può non metterla, ma sbaglia!), aggiungete una fettina di limone e aggiungete un cucchiaino e due di panna acida (yogurt greco).   Приятного аппетита!! (Priiatnogo appietita) Buon appetito!!

San Pietroburgo: la migliore destinazione turistica mondiale 2018

Il 1° dicembre a Lisbona (Portogallo), è svolta la cerimonia di premiazione del premio turistico più prestigioso: il World Travel Awards, una specie di premio “Oscar” nel settore del Turismo. Secondo il WTA 2018, San Pietroburgo è stata riconosciuta come la miglior destinazione culturale turistica (World’s Leading Cultural City Destination) e si è confermata per il terzo anno consecutivo il titolo mondiale e quest’anno  la capitale settentrionale della Russia è stata riconosciuta anche come il miglior posto in Europa per una crociera. La città di San Pietroburgo è riuscita a vincere la concorrenza di grandi e importanti rivali come: Parigi, Londra, Roma, Venezia, Sydney, New York, Rio de Janeiro, Pechino e Quito. Le fasi della selezione prevede che i candidati superino due turni: nella prima fase, le città vengono selezionate tramite votazione online e al secondo turno i rappresentanti delle città in gara vengono convocati dalla giuria, composta da professionisti dell’industria, del turismo e rappresentanti dei media turistici. La scelta affronta  diversi criteri: la relazione tra cultura e bellezza, sommata alla qualità dei trasporti, agli alberghi, valutati per qualità di servizi, dei prezzi che devono essere al di sotto della media delle grandi metropoli mondiali, una sicurezza di base ed altri fattori come la propensione all’accoglienza del turista. La “Città sulla Neva”, così i russi chiamano la loro capitale culturale, quest’anno è stata visitata da oltre otto milioni di turisti.. Il World Travel Awards è nato a Londra nel 1993 con l’idea di premiare l’eccellenza nei vari settori dell’industria del turismo, oggi, il World Travel Awards è un brand di qualità mondiale, una sorta di “bibbia” che ci informa dove si indirizza il turismo che conta. San Pietroburgo è un centro culturale estremamente vivo, una città con la storia di alcune centinaia di anni (San Pietroburgo venne fondata nel 1703), ma traboccante di storia, di eventi, di tragedie, di miti e leggende, che fanno parte della storia mondiale . San Pietroburgo è una metropoli che ha saputo mantenere una propria anima poetica, giovanile, cosmopolita che vale la pena di visitare almeno una volta nella vita!  

Restaurata la Chiesa di San Giovanni Benedetto a Mosca

Per i credenti e per tutti i visitatori che entreranno nella Cattedrale di San Basilio sulla Piazza Rossa a Mosca, dal 23 novembre 2018 potranno pregare e visitare l’ undicesima Chiesa nella Cattedrale dell’Intercessione della Madre di Gesù sul Fossato, più nota come la Cattedrale di San Basilio.   L’edificio originale, noto come la Chiesa della Trinità e successivamente come Cattedrale della Trinità, constava di otto Chiese laterali distribuite intorno alla nona, centrale: la Chiesa dell’Intercessione, la decima Chiesa venne eretta nel 1588 sopra la tomba del venerato Santo Basilio il Benedetto, da cui prese il nome conosciuto, oggi da tutti.   La Cattedrale, percepita come il simbolo in terra della Città celeste, era ed è popolarmente conosciuta dai credenti ortodossi come la Gerusalemme e rappresenta l’allegoria del Tempio di Gerusalemme e durante l’annuale parata della Domenica delle Palme avviene la processione capeggiata dal Patriarca di Mosca.   Nella cattedrale le dieci Chiese sono consacrate in onore di santi e commemora la vittoria di battaglie decisive vinte da Ivan IV il Terribile a Kazan. La Chiesa restaurata è quella dedicata a San Giovanni il Beato, costruita nel XVII° secolo ed era chiusa da ben 90 anni, infatti era dal 1929 che la Chiesa di San Giovanni il Beato era inaccessibile ai pellegrini e ai visitatori, come lo è stato sino al 1997, quella dedicata a San Basilio. Durante il periodo in cui le Chiese erano inaccessibili per la visita, tutti gli oggetti del suo arredo erano accuratamente conservati nel Museo Storico di Stato a Mosca.   La chiesa di San Giovanni il Beato fu eretta a ridosso della Cattedrale dopo che furono ritrovate le reliquie del santo nel 1672, oggi è visibile la reliquia principale: le catene di ferro, che, secondo la leggenda, tenevano San Giovanni il Beato.   I restauri, durati dal 2016 al 2018, hanno ripristinato le pareti in mattoni, che divide la parte dedicata a San Basilio, il soffitto e il pavimento e sono stati scoperti frammenti di affreschi del XVII° e del XIX° secolo. La maggior parte delle icone che formavano l’antica iconostasi di questa chiesa sono state conservate e la loro sistemazione è stata eseguita in conformità con le fotografie fatte nel 1935 e le così dette Porte Reali del XVIII° secolo rioccupano il posto centrale che hanno sempre avuto.  

Artigianato russo: il ricamo in oro di Torzhok

Torzhok è una piccola città della Regione di Tverskaja a 60 km dal capoluogo Tver e a 240 Km. a nordovest di Mosca e raggiungibile con il treno ad alta velocità Sapsan, con un’ora di viaggio. Il ricamo in oro è uno dei più antichi e importanti mestieri artigianali russi, la sua origine risale al X° secolo, lo stesso periodo dall’adozione del cristianesimo in Russia. La Russia antica è stata a lungo associata a Bisanzio con trattati diplomatici e commerciali ed è da questi rapporti che si attiva una tradizione che ha fa dela cucitura con i fili d’oro e d’argento un’origine antica, accuratamente preservata ed oggi un prezioso patrimonio culturale e artistico. I primi fili d’oro furono portati sul territorio russo dai mercanti bizantini ed erano non solo preziosi, ma anche costosi, tanto che un pezzo di pelle ricamato d’oro, poteva essere usato come moneta per un pagamento. Il ricamo in oro nella città di Torzhok risale al XII° secolo, come la testimonianza di un ritrovamento fatto nel 2010, quando un tesoro unico di frammenti di vestiti ricamati con fili d’argento e d’oro risalenti al 1238. Un tesoro nascosto dai proprietari per sfuggire alle orde mongole di Batu Khand, che invasero la città di Torzhok nel febbraio del 1238, come racconta la spedizione archeologica, che ha non solo ha riportato alla luce un prezioso tesoro, ma ha dissipato il mito sulla connessione della cultura russa della lavorazioni dell’oro con le tradizioni mongolo-tatare. Le prime artigiane furono le monache dei monasteri locali, poiché la maggior richiesta era sempre proveniente dalle Chiese, poiché il clero dava molto importanza agli arredi sacri, come oggi, dove i massimi vertici dell’ortodossia russa indossano abiti ricamati dalle ricamatrici di Torzhok. Queste ricamavano con fili di vero oro, finissimo, torto assieme con i fili di seta (più sottile del capello umano) su stoffe di velluto, raso, seta, lana, pelle, così che gli oggetti lavorati ottenevano una lucentezza dorata, che dava una visione di grandissima ricchezza. Più tardi i principali consumatori di ricami in oro di Torzhok furono gli Zar con loro familiari e i nobili di corte, per le loro incoronazioni e per gli eventi significativi, hanno sempre voluto abiti ricamati in oro degli artigiani di Torzhok come: gli abiti e decorazioni per l’incoronazione dello Zar Alessandro II nel 1856, realizzati da 30 delle migliori artigiane di Torzhok e nel 1865 con ricami di fili d’argento furano creati l’abito e le scarpe per l’imperatrice Maria Alexandrovna . I ricami ornavano non solo i vestiti, ma anche i troni reali con i monogrammi dei loro nomi, ma anche effige di ordini e insegne per gli ufficiali militari e i ministri di Stato dell’Impero russo. La magnificenza del ricamo in oro è ben visibile nel Cremlino di Mosca, nel Palazzo Konstantinovskij a Sant Pietroburgo, nel monastero della Trinità di San Sergio nella città di Sergiev Posad,  nel Monastero di Novodevichij a Mosca e in altri monasteri russi. Fino al 1894 il mestiere rimaneva ancora come una forma di artigianato monacale e ancora più ristretto in ambiti familiari, tramandato di madre in figlia per generazioni, poi grazie a Dmitrij Romanov, un imprenditore  del luogo, aprì a Torzhok il primo laboratorio di ricamo in oro e all’inizio del XIX° e del XX° secolo, l’arte ricamo in oro delle sarte di Torzhok ha avuto alti riconoscimenti nelle più importanti mostre internazionali da Parigi a Londra a Torino, diplomi e medaglie diedero fama mondiale alle zolotoshvei (zoloto=oro/shvei=cucitrice ), le cucitrici della piccola città di Torzhok . Dopo la rivoluzione d’Ottobre la domanda di lavorazioni in oro crollo, ma riuscì a non scomparire. In epoca sovietica, le artigiane si specializzarono nei ricami di bandiere, gagliardetti e insegne militari, regali prestigiosi per politici di rango, mentre importanti società le utilizzarono per decorare uffici con l’ immagine del realismo comunista: le stelle, la falce e il martello. Nel 1942, l’edificio della fabbrica fu danneggiato da un bombardamento aereo e diversi bozzetti di vecchi disegni e strumenti andarono perduti. Dopo la guerra la fabbrica fu ricostruita e attualmente Torzhok è l’unico centro che conserva con cura le tradizioni di un vero ” prezioso mestiere ” con le artigiane di Torzhok che ricamano, ancora con fili che contengono i metalli preziosi. Oggi i materiali principali per la produzione di opere moderne sono: il velluto di alta qualità, la pelle e la pelle scamosciata, il filo di rame finissimo con placcatura in oro, ma sono le ricamatrici che con l’invariabile abilità ci mettano il cuore nel loro lavoro e il calore delle loro mani, tanto che i riescono a produrre circa 100 tipi di impunture dei fili e numerosi modi per ricamare con diversi motivi i disegni che la tradizione dei maestri artigiani di Torzhok rappresentano con fiori e uccelli. L’artista disegna uno schema di ricamo futuro su carta pergamena, puoi il disegno viene trasferito successivamente sul materiale che si vorrà lavorare con piccoli fori per il ricamo d’oro. Le maestre (tradizione e lavoro sempre femminile)  insegnano l’uso del vecchio metodo “in attaccamento” dove il filo metallico non viene fatto passare attraverso il tessuto, ma viene attaccato alla superficie del tessuto è fissato con fili di nylon trasparente che è invisibile nella parte interiore e da l’impressione nella parte esterna di una superficie d’oro massiccio compatta. Le maestre realizzano opere meravigliose, quelle più esperte producono un ricamo in oro perfetto, ma bisogna sapere che per realizzare una sola immagine, anche la migliore ricamatrice di Torzhok ha bisogno di lavorarci per circa un anno se non addirittura di più! Le opere di queste artiste sono state esposte più volte nelle mostre nazionali e internazionali, tra le quali le più significative sono: Nizhny Novgorod, Philadelphia, Torino, Mosca, Parigi, Milano, New York, Bruxelles, Osaka e altre. La fabbrica del ricamo della città di Torzhok oggi produce anche tantissimi oggetti di massa, prodotte con uso delle macchine: borse, portafogli, foulard, guanti, astucci per occhiali e custodie per gli smartphone, così qualsiasi viaggiatore può comprare e portare a casa questo manufatto, che comunque rimane

L’Italia ospite d’onore al VII° Forum Culturale a San Pietroburgo.

Dal 15 al 17 novembre 2018, a San Pietroburgo si terrà il VII° Forum culturale internazionale  dove parteciperanno non meno di 150 Paesi e una presenza di piu di 30 mila partecipanti. Il Forum è riconosciuto come uno degli eventi culturali più importanti a livello mondiale che attrae ogni anno migliaia di esperti da tutto il mondo: star del teatro, stelle dell’opera e del balletto, direttori, attori di cinema, scrittori, personalità pubbliche e rappresentanti delle Istituzioni. In questo Forum l’Italia si è vista riconoscere come: Stato ospite d’onore. Lo status speciale di “Paese ospite“, introdotto nel 2016, sottolinea le speciali relazioni umanitarie e culturali che intercorrono tra le due nazioni e che contribuiscono al loro sviluppo con progetti e programmi culturali di partenariato ed è un indicatore dello sviluppo delle relazioni e sottolinea l’importanza di una cooperazione positiva. Per questo  il programma del Forum prevede più eventi dedicati all’Italia che iniziano il 15 novembre, nello storico edificio dell’Accademia Russa delle Arti sul Lungofiume della Neva. Nell’ambito del VII° Forum Culturale Internazionale di San Pietroburgo, si terrà una conferenza internazionale sull’educazione artistica con la partecipazione dei Direttori e i professori delle Accademie d’arte italiane: l’Accademia delle Arti di Torino, l’Accademia delle Arti di Venezia, l’Accademia delle Arti di Roma, l’Accademia delle Arti di Urbino, l’Accademia delle Arti di Bologna, l’Accademia delle Arti di Carrara. Sarà visibile l’esposizione dei lavori dei laureati delle Accademie d’arte italiane, organizzata con collaborazione dall’Accademia d’arte “Il’ja Efimovič Repin” con 50 pitture e opere grafiche di giovani artisti provenienti dalle 10 principali accademie d’arte italiane, selezionate appositamente per l’evento di San Pietroburgo. Altro evento significativo proposto dal Forum è la presenza di attori, artisti e protagonisti del mondo della cultura italiana: l’attore e regista Tony Servillo che presenta per la prima volta in Russia un suo spettacolo “Elvira”. La presenza delle personalità italiane saranno guidate dal Dott. Pasquale C. Terraciano  Ambasciatore d’Italia in Russia insieme ad altri numerosi rappresentanti di Istituzioni culturali, da  politici e personaggi pubblici italiani come: Sergio Escobar direttore del Piccolo Teatro di Milano –  dal regista Paolo Genovesi, Marco Ginesi Console Russo della Regione Marche, Pier Luigi Capucci uno dei più grandi esperti di sistemi e linguaggi di comunicazione e nuove forme estetiche in relazioni tra arti, scienze e tecnologie. Al forum parteciperà  il Ministro della Cultura italiana Alberto Bonizoli, che  aprirà la Mostra “Pompei” organizzata in collaborazione con il Museo dell’ Hermitage, dedicata agli ultimi scavi archeologici fatti a Pompei.

Mostra dei capolavori russi ai musei Vaticani

“The Russian Way: Da Dionisio a Malevich” Il 19 novembre 2018 in Vaticano, nel Braccio Carlo Magno verrà inaugurata e sarà aperta al pubblico dal 20 novembre sino al 16 febbrai0 2019,  la mostra “The Russian Way – Da Dionisio a Malevich”  aperta con la collaborazione tra la Galleria Tretjakovskaja e i Musei Vaticani. La mostra farà da riscontro a quella “Roma Aeterna”  della Pinacoteca vaticana, esposta alla Galleria di Tretyakov a Mosca nell’ottobre del 2016 con un grande successo di visitatori: 200 mila in 3 mesi, inaugurata dal Presidente Putin. La mostra di altissimo livello presenta il patrimonio spirituale dell’arte russa con una carrellata sull’arte figurativa russa dal 400 al XX° secolo e alla Santa Sede giungeranno 54 capolavori dell’arte russa: dall’iconografia dei secoli XV°-XVII°, all’arte pittorica della seconda metà del XIX° secolo fino ai primi decenni del XX° secolo e una scultura in legno del XVIII° secolo proveniente da antiche Chiese del Nord della Russia. 47 opere provenienti dalla Galleria Tretjakovskaja Museo statale russo, altre dal Museo centrale della cultura antica e arte di Andrej  Rublev e da altre da vari musei regionali russi. Per la presentazione delle opere è stato deciso di non seguire il principio cronologico, ma di esporre le opere costruendo un dialogo tra due tradizioni:  l’arte antica russa di eccellenza rappresentate dalle icone e la pittura russa del diciannovesimo secolo che non è ancora molto conosciuta all’estero, come ha rappresentato il Nunzio Apostolico a Mosca Celestino Migliore “…le opere,  non solo icone, ma tutte opere hanno un significato spirituale”.     I curatori Arkady Ippolitov e Tatyana Yudenkova, alla conferenza stampa di presentazione, dove hanno preso parte anche Maria Krasnikova, direttore della Fondazione del mecenate Alisher Usmanov “Arte, scienza e sport” e Vladimir Dmitriev, vicepresidente della Camera di commercio e dell’industria russa, copresidente del Forum di dialogo russo-italiano per la società civile hanno sottolineato, che senza il contributo di Usmanov, come mecenate, la mostra e il relativo catalogo non sarebbero state possibili. Per volontà dei Musei Vaticani e della Galleria di Tretyakov si è deciso che l’ingresso alla mostra sarà gratuito.

Le Icone: storia rappresentazione, lettura

“Un’icona è una raffigurazione sacra dipinta su tavola, prodotta nell’ambito della cultura bizantina e slava. Il termine deriva dal russo “икона”, a sua volta derivante greco bizantino “εἰκόνα” (eikóna) e dal greco classico εἰκών -όνος derivanti dall’infinito perfetto eikénai, traducibile in “essere simile”, “apparire”, mentre il termine eikóna può essere tradotto con “immagine“, (Wikipedia). Grazie a Suor Marcia Vinje dell’Universita del Dakota, teologa e studiosa di icone possiamo non solo conoscere la storia delle icone, ma che cosa rappresentano nella fede delle persone e per gli artisti che hanno lavorato su questa particolare arte sacra, cosa rappresentano e come possiamo leggerle per godere di tutta la loro magnificenza artistica.   Le Icone- Storia-rappresentazione-lettura   FONTE: Università del Dakota–Marcia Vinje Libera traduzione di Silvano Sgrevi

Ricetta russa: Borsch nouvelle

Borsch nouvelle (Borsc viesiegnni)  Борщ весенний    Ingredienti per 4/6 persone Carne di manzo 300 gr, carne di maiale 300 gr, cavolo bianco 400 gr, patate 300gr, foglie di  rapa rossa 200 gr, rapa rossa 200 gr, carota 150 gr, cipolla 150gr, pomodoro 100 gr, peperone 100gr, foglie di ortica 200 gr, acqua 3-3,5 litri, burro 20 gr, olio extravergine 20gr, ½ limone, 1 spicchio di aglio, aneto 10gr, erba cipollina 10/15 gr, panna acida(yogurt greco) 100 gr, sale, pepe q.b. Preparazione Per la carne di manzo scegliete la spalla, mentre per il maiale scegliete il lombo. Prendete una pentola  capiente e versate i pezzi del manzo e del maiale, coprite con acqua e  portate ad ebollizione, togliendo  la schiuma durante il bollore di circa 1h per preparare un buon brodo, Lavate e pelate gli ortaggi, affettate minutamente la carota, le fogli di rapa/bietola, la cipolla, il pomodoro, il peperone e mettete il mix in padella con il burro e olio extravergine per una scottatura di pochi minuti. Nella pentola dove è stato preparato il brodo togliete la carne e mettete le patate e il cavolo affettate alla julienne. Lessate le patate e il cavolo per 10 min, aggiungete gli ortaggi  rosolati e bollire ancora  per 10 min, Pelate la rapa rossa (se non trovate al mercato le rape fresche con le foglie, potete usare le confezioni di rape rosse in vendita nei supermercati, mentre potete sostituire le foglie di rapa con quelle di bietola)  e grattugiate finemente, versate il tutto nella pentola, mescolate tutto bene.  NON FATE BOLLIRE A FUOCO FORTE E NON COPRITE LA PENTOLA CON IL  COPERCHIO. Tagliate le foglie di ortica e mettetele nella pentola. Tagliate i pezzi di carne in pezzi più piccoli e rimetteteli nella pentola. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare. Spremete ½ limone su un bicchiere, versate a piccole quantità il succo di limone, assaggiate di volta in volta – il gusto di questa zuppa è che si deve presentare agro-dolce, aggiungete sale e pepe q.b. Vi suggeriamo di servire questa zuppa (borsch) tiepida, ma prima di presentare preparate su un piatto un  mix di erba cipollina, aneto e uno spicchio di aglio tagliati minutamente e mescolati insieme. Portate a tavola la zuppa (borsch) e il mix  per spolverarlo sopra la zuppa, fate aggiungere, se lo gradiscono, ai vostri ospiti la panna acida/yogurt greco nei loro piatti personali.   Приятного аппетита!! (Priiatnogo appietita) Buon appetito!!

La Chiesa dell’Intercessione della Madre di Dio a Kizhi – Carelia

La Chiesa dell’Intercessione della Madre di Dio – (Церковь Покрова Пресвятой Богородицы), Kizhi   La Chiesa dell’Intercessione della Madre di Dio è stata costruita accanto a quella della Trasfigurazione mezzo secolo dopo e integra il paesaggio confrontandosi con quella della Trasfigurazione, che le risponde come un’eco alla sua esclusiva architettura in legno, una soluzione architettonica per superare la solitudine originale in un insieme organico con la moltitudine pittoresca delle cupole della Chiesa della Trasfigurazione. La Chiesa è costruita a forma di rettangolo allungato, con una parte pentaedrica dell’altare a est e rientra nella categoria delle Chiese a “ottagono sul cubo” nota anche come “pianta navale” con le sue dieci cupole tipiche dell’edilizia ecclesiastica ortodossa che si corona con una cupola a padiglione. La prima costruzione risale al 1694, purtroppo distrutta dopo un incendio, è ricostruita nel 1764. L’altezza della chiesa è di 26 m, la lunghezza totale è di 32 m, la larghezza è di 8  e gli architetti progettisti, rimasti sconosciuti, usarono materiali di legno diversi come: il pino, il pioppo tremolo e lo screening della chiesa ha dimostrato che essa fu restaurata diverse volte, probabilmente tre. Nel XIX° secolo entrambe le chiese del Pogost di Kizhi furono ricoperte da sottile assi di legno, mentre le grandi tegole di legno lavorato delle cupole (lemech) furono sostituite con la lamiera di ferro per tetti. I restauri sono stati fatti in modo di riacquistare l’aspetto e la bellezza originaria delle cupole. La Chiesa dell’Intercessione della Madre di Dio è inclusa nella lista  del patrimonio mondiale dell’UNESCO di “Kizhi Pogost” il Parco naturale voluto dal Governo russo, ed è un sito del patrimonio culturale della Federale Russa.

L’artigianato artistico russo con la betulla di Carelia

Artigianato artistico di betulla della Carelia   L’artigianato artistico della lavorazione della  betulla in Carelia è una delle eccellenze e simbolo della Repubblica di Carelia, una tra le tante sue bellezze senza dubbio un tesoro del nord russo e orgoglio come l’isola di Kizhi. Per il suo bell’aspetto e la sua lunga durata il legno resistente della betulla della Carelia è stata apprezzata sin dal XIII ° secolo, ci sono noti reperti archeologici che dimostrano l’utilizzo fatto dalle tribù careliane per pagare le tasse alla pari con pellicce e sale. La prima informazione sulla betulla della Carelia, come un legno da utilizzare perchè “simile al marmo” per la sua resistenza e il gioco di varietà di colori e venature presenti, risale al 1766 quando fu portata a Caterina II dal suo responsabile della spedizione nelle terre settentrionali. I campioni di legno piacquero tanto alla Regina che lei ordinò di creare un set di mobili per sé e da quel momento iniziò la grande produzione di mobili e oggetti decorativi per i palazzi imperiali e le case nobiliari e grazie agli ebanisti russi di quel periodo furono create tantissimi opere. Dal momento che il legno di betulla della Carelia è adatto all’uso, solo all’età di 30-40 anni, il consumo dissennato di quel periodo fece correre il rischio di essere quasi completamente estinto dalla Carelia. Nel periodo sovietico, nel 1939 il Consiglio dei Commissari del popolo della Repubblica della Carelia emise un decreto speciale in cui dichiarava la betulla careliana una specie particolarmente protetta per questo si passò alla registrazione delle piante, l’abbattimento fu vietato e nacque il suo inventario,  in seguito, furono attivate delle riforestazioni e oggi ogni albero viene tagliato con il permesso del capo della Repubblica di Carelia e le botteghe che lavorano con la betulla della Carelia sono limitati e autorizzati.   Il legno è valutato così bene che a differenza di altre specie arboree, si vende a peso  in kg. e non in metri cubi. La betulla della Carelia per la bellezza del disegno e la varietà delle sfumature del colore del legno, è chiamata “albero reale” e spesso viene confrontata con il marmo e  ogni albero in questo senso è unico come le impronte digitali umane trovare due colori o due venature identiche è semplicemente impossibile. Il legno viene utilizzato come materiale ornamentale per la produzione di cofanetti, portasigarette, cornici per quadri, gioielli, souvenir, in casi speciali per la produzione di mobili. Il famoso uovo-gioiello di Peter Carl Fabergé in legno, che faceva la parte della collezione  “Uova imperiali” creato nel 1917 per ordine di Nicola II per la zarina madre Dagmar di Danimarca in occasione della Pasqua, il gioielliere la creò proprio con la betulla della Carelia e decorato con oro. Sul primo rompighiaccio atomico al mondo “Lenin” c’è un pianoforte unico, fatto di betulla della Carelia e non ha mai lasciato la nave fin dall’inizio della sua attività che risale al 1957. La betulla della Carelia è un albero con una struttura in legno particolare, molto bella, dura e resistente, mentre è facilmente lavorabile con utensili da taglio per levigarla e lucidala. I moderni artigiani della Carelia continuano le antiche tradizioni della scultura in legno, riproponendo i tradizionali motivi della Carelia che è il modo migliore per esaltare la bellezza naturale del legno. A causa dell’elevato costo del materiale, il legno massiccio viene utilizzato con molta attenzione,  per primo, vengono tagliati oggetti di grandi dimensioni, ad esempio set di casse per scacchi, cornice per icone e per quadri, mentre i piccoli pezzi vengono usati per  fare portachiavi, bigiotteria, mosaici. Oggi per rendere i prodotti più economici, i maestri usano l’impiallacciatura di betulla careliana e questo non diminuisce l’effetto impressionante della bellezza dell’opere, infatti i bellissimi prodotti originali della betulla della Carelia sono realizzati da veri artisti ed artigiani, che per le loro opere utilizzano tutto del legno, anche i vari pezzetti di legno, tanto che alcuni oggetti di betulla assomigliano molto alle opere realizzate con la tecnica dei mosaici fiorentini: entrambe utilizzano la varietà di sfumature di colore e la struttura delle materie prime che sono di legno naturale. C’è un altro tipo di lavorazione artistica usata dai maestri di Carelia per creare dei veri quadri. Questo procedimento permette di predisporre un dipinto su un anello di betulla usando il metodo  pirografico. La lavorazione del legno viene eseguita solo alla parte segata, invece  il lato anteriore rimane il integro così come la natura lo ha creato, dopo di che il maestro artigiano fa il primo disegno con una matita sulla superficie, per trovare la maggiore armonia con la struttura naturale del legno, dopo con un saldatore finissimo si ripassa sopra il disegno. Un lavoro molto delicato che non permette sbagli, l’ultima lavorazione è quella di coprire l’opera con più strati di lacca, infatti tutte le opere, più importanti, fatte con la betulla di Carelia sono protette con la lacca è così che i disegni realizzati si salvano per i secoli. I mobili e gli oggetti decorativi  per la casa creati dai famosi ebanisti russi del XIX° secolo in materiale di betulla di Carelia possono essere ammirati nell’Ermitage (San Pietroburgo) e nel Palazzo di Caterina (Tsarskoye Selo) e nel Museo Statale Russo di Pushkin (Mosca).