Gli Ultimi Articoli inseriti

Giulietta e Romeo sul ghiaccio a Verona.

Spettacolo sul ghiaccio, “Romeo e Giulietta” all’Arena di Verona    Il 6 ottobre 2018 all’Arena di Verona si potrà assistere ad uno straordinario spettacolo sul ghiaccio, «Romeo & Giulietta», uno degli eventi principali del festival “Stagioni russe”, promosso in Italia dal Ministero della Cultura Russa. L’Italia è la prima data europea di questo musical su ghiaccio e la sua naturale sede, perchè Verona è la città città natale della coppia di innamorati più famosa al mondo. Per lo show il palco dell’Arena di Verona si trasformerà in una enorme pista di pattinaggio con allestimenti e coreografie innovative, per presentare nel migliore modo, una sintesi di arte e di sport  tenendo conto della tragedia shakespeariana, nella bellezza del fondale naturale e alla  bella dell’esibizione delle stelle più importanti della scuola russa di pattinaggio artistico. Lo spettacolo è realizzato dalla compagnia di produzione “Ilya Averbukh” del famoso  ex danzatore su ghiaccio ed ex campione mondiale di pattinaggio su ghiaccio, che presenta nella performance musicale  “Romeo e Giulietta” il suo nuovo, ambizioso progetto. Averbukh è un campione di tante gare di pattinaggio che, dopo una brillante carriera da atleta, è diventato il regista e leader mondiale di produzioni artistiche e creazione di show sul ghiaccio. In Russia il musical ha già avuto un grande successo e  la prima mondiale è avvenuta il 1 ° luglio 2017 nella città di Soshi, poi con il tutto esaurito, a Mosca e San Pietroburgo. Lo spettacolo è stato visto da oltre un milione di persone. In una scala ideale di bellezza  e di livello di scenografia “Romeo e Giulietta“, quest’anno gareggia con i principali spettacoli mondiali di intrattenimento, tra cui il famoso Cirque du Soleil. Per allestire il musical, Averbukh ha riunito un cast stellare composto da 100 artisti tra cui sei  campioni olimpici: Tatiana Totmianina e Maxim Marinin, che impersonano “Giulietta e Romeo”,  e poi Alexey Yagudin e Roman Kostomarov (Mercuzio e Tebaldo), Tatyana Volosozhar e Maxim Trankov (principessa e principe Capuleti di Verona). Negli altri ruoli del dramma sono presenti i grandi nomi di 22 atleti di livello internazionale come: Oksana Domnina (“Chuma“, un personaggio creato è inserito dal regista), Maxim Shabalin (Benvolio), Maria Petrova (Laura), Albena Denkova, Maxim Stavisky (il clan Montecchi), Margarita Drobiazko e Povilas Vanagas (il clan dei Capuletti), il grande Ilya Kulik (Conte Paris), Yana Khokhlova (nutrice), Evgenij Kuznetsov (Baltasar), Vladimir Besedin e Alexei Poleshchuk (amici di Romeo), Alexei Tikhonov (Padre Lorenzo). Il progetto ha coinvolto anche  14 artisti di danza su ghiaccio, 5 cantanti, 10 ballerini, 5 musicisti, artisti del circo (ginnasti aerei). Per lo spettacolo sono stati creati più di 160 costumi e tra questi ci saranno attori che indosseranno armature complete, dell’epoca. Per l’allestimento sono state utilizzate le tecnologie sceniche più avanzate, con effetti speciali di ultima generazione dove fuoco, pioggia e fumo accompagnano le esibizioni degli eroi dell’opera shakespeariana. Potremo ammirare performance introdotte da numeri acrobatici unici e elementi spettacolari prodotte da giochi di luci con colori inaspettati dove le figure delle acrobazie sul ghiaccio rappresenteranno la grande abilità dei pattiatori. Le musiche sono di Prokofiev (dall’ononimo balletto del 1938), di Mozart, Bach, Mendelssohn, alternate a quelle originali composte da Roman Ignatiev, il maggiore compositore russo per i musical. Le parti vocali sono cantate dai principali artisti del musical russo. Gli artisti hanno promesso, nell’ultima apparizione in scena, una spettacolare performance sul ghiaccio per regalare  una bella sorpresa agli spettatori.     È un evento da non perdere, per tutti che ammirano e amano il pattinaggio artistico!

Il Passaporto turistico Golden Ring, nuove opportunità

Il Passaporto turistico Golden Ring: un programma di fidelizzazione per i turisti   Dopo il grande successo del Mondiale di calcio dove ai turisti è stata proposto un servizio con la formula del così detto passaporto turistico, oggi il Ministero del Turismo lo propone, anche sui percorsi turistici più frequentati in Russia, inserendo nuove novità. I Dipartimenti turistici delle Regioni di Yaroslavl e Vladimir, per il percorso dell’itinerario turistico “Anello d’oro della Russia“, il percorso più importante insieme al tour di Mosca e San Pietroburgo, che attraversa le più antiche città della Russia nord-orientale, dove ci sono monumenti unici di storia e cultura, propongono il Passaporto “Golden Ring”. Il progetto è un vero e proprio programma di fidelizzazione per i turisti russi e stranieri, infatti i viaggiatori possono acquistare il passaporto turistico “Golden Ring”, un documento che offre una serie di vantaggi e sconti durante la visita delle città lungo questo itinerario turistico, sulle tariffe degli hotel, sui tour in città e le visite ai musei. Il passaporto turistico è dotato di una fotografia personale del proprietario, il costo è di 1.000 rubli (€. 12,50) e il periodo di validità 10 anni. Come nel passaporto, si potrà mettere un visto sulla visita della città del “Golden Ring”. Saranno messi a disposizione stampati, adesivi e francobolli che i turisti potranno raccogliere e inserire nelle pagine del documento del viaggio. Il passaporto può essere acquistato a Yaroslavl nell’ufficio speciale nella città di Yaroslavl, via della Rivoluzione, 30 (улица Революционная) e Vladimir nell’ufficio di via Mira, 36 (улица Мира), ma presto si potrà acquistarlo anche a Kostroma. Il passaporto potrà essere un utile partner per ampliare il numero dei turisti nelle nove città dell ‘”Anello d’oro”: Yaroslavl, Kostroma, Ivanovo, Suzdal, Vladimir, Mosca, Posad, Pereslavl e Rostov Veliky, Uglich.

Park “Zaryadye” di Mosca visitato da 10 Ml di visitatori.

Park “Zaryadye” di Mosca uguale al Louvre e al “Golden Bridge” di San Francisco.   Il Parco di Mosca “Zaryadye” è stato incluso nella lista dei 100 posti da visitare del mondo, secondo la rivista Time e dalla catena televisiva CNN. Gli esperti della rivista americana hanno stilato una lista in cui presentano i 100 luoghi più interessanti del mondo senza una classificazione, ma consigliano di visitarli. Uno di questi posti è il Parco paesaggistico “Zaryadye” aperto tutto l’anno a Mosca. Il parco è stato progettato dagli architetti americani Diller Scofidio / Renfro, che hanno creato il parco High Line di New York. La rivista statunitense faconoscere che il parco ha una sala da concerto molto bella, una grotta di ghiaccio e un ponte che assomiglia a un boomerang che permette ai visitatori di affacciarsi sopra il fiume Moskova. Dalla sua apertura nel settembre 2017, “Zaryadye” è stata visitata da quasi 10 milioni di persone.

Festival “Il Circo delle Luci” a Mosca

Dal 21 al 25 settembre a Mosca inizia un Festival internazionale “Circle of Light”. Uno Show di Luci e Suoni dove residenti e visitatori potranno vedere in maniera del tutto originale diversi luoghi famosi come : la Piazza del Teatro Bolshoi, nel Parco della Vittoria,  sulla Collina Poklonnaya, al Museo “Caricyno” e nel canale di canottaggio nel “Kolomenskoye“. Per gli schermi giganti per le proiezioni video saranno utilizzate le facciate degli edifici dei teatri Bolshoi e Maliy, il Teatro Accademico russo della gioventù (Ramtha) e il Museo della Vittoria, il portale ufficiale del Municipio di Mosca. Saranno proiettati diverse immagini dove il pubblico potrà vedere la bellezza dei monti Urali e paesaggi della Crimea, della Siberia e dell’Estremo Oriente, guardando sino all’Oceano Pacifico. Appariranno grandi personaggi: ingegneri, militari, poeti, scrittori che hanno fatto grande la russia. Nella Piazza del Teatro Bolscioi, durante il festival, è possibile vedere una storia dedicata al leggendario gladiatore Spartacus. Nella “Kolomenskoye” ci sarà un video-show, i cui protagonisti saranno personaggi riproposti da storie per bambini e molto altro ancora.

Sbiten la bibita russa da dessert

Sbiten è una bibita russa da dessert    Lo Sbiten è un’antica bevanda dalla Russia orientale a base di acqua, miele e spezie, che spesso comprende erbe aromatiche, ha una storia molto interessante che risale a diversi centinaia di anni. Prima dell’introduzione del tè, lo Sbiten era la prima bevanda consumata in Russia, infatti la sua ricetta è menzionata nelle cronache del 1128 e la tecnica di preparazione è illustrata nei Domostroj (un Galateo russo, d’incerta datazione tra quindicesimo e sedicesimo secolo). All’epoca nelle aree più popolose delle città si potevano trovare i venditori di Sbiten; caldo in inverno e la versione fredda in estate, i vari tipi dello Sbiten venivano venduti in botteghe molto simili alle birrerie moderne ad un prezzo abbastanza abbordabile, ma era talmente ricercato che  poteva essere bevuto sia dai poveri, sia dai rappresentanti della nobiltà e nessun pasto sia il pranzo quotidiano che una cena festosa, non poteva mancare lo Sbiten. Il consumo di massa di questa bevanda è scemato perchè sostituito dal tè dal momento che il suo prezzo diminuì notevolmente e con la Rivoluzione del 1917, la tradizione antica è stata quasi dimenticata. Dagli anni ’90, si è tentato di riportarne in auge la produzione e il consumo dello Sbiten in Russia, e sono rifiorite le antiche ricette utilizzate, soprattutto dai piccoli produttori che si attengono alla ricette autentiche delle varie Regioni russe e servendosi di ingredienti locali, ma sono sempre di meno e sono presenti nelle città turistiche, mentre i consumatori frettolosi acquistano la versione industriale nei supermercati. Lo Sbiten si preparava e qualche famiglia lo fa ancora nei Samovar (un contenitore metallico tradizionalmente utilizzato in Russia per scaldare il tè), ma oggi può essere usato qualsiasi contenitore. Il segreto  dello Sbiten sono: l’acqua e il miele a cui si aggiungono varie spezie ed erbe, così da ottenere un suo peculiare sapore che lo contraddistingue da tutti gli altri, infatti, la combinazione dei erbe e aromi daranno alla bibita tantissime sensazioni gustative. Ci sono gli Sbiten analcolici e alcolici a seconda se si è usato proddotti che producono fermentazione, tipo l’aggiunta del luppolo. Ingredienti: 3 litri  di acqua, 300 grammi di miele, 350 grammi di zucchero, 2 foglie di alloro, 1 stecca di cannella, 3 chiodi di garofano, zenzero e cardamomo ( oppure spezie di vostro gusto 5-10 gr), 600 ml il vino rosso (si può fortificarlo con brandy o vodka per una gradazione più forte 300-500 ml). Preparazione:  Fate bollire l’acqua, aggiungete il miele e lasciate cuocere per qualche minuto; poi aggiungete le spezie e le erbe e continuate ancora a far cuocere  per 15 minuti, ma si desiderasse ottenere una bevanda alcolica, aggiungete il vino rosso o la vodka, negli ultimi istanti di cottura. Togliate dal fuoco il contenitore e lasciare freddare e fermentare per mezz’ora. Filtratelo utilizzando un imbuto e delle garze, mettete nelle bottiglie tenetelo in frigo ed è pronto per essere servito. Benefici: La bibita da energia per l’intera giornata, migliorerà l’umore e l’immunità. Nello Sbiten, grazie alle diverse spezie ed erbe vede presenti diverse nutrienti che hanno proprietà anti-infiammatorie ed ha, anche un effetto positivo sul sistema digestivo. I russi lo utilizzano perchè può avere effetti benefici contro il raffreddore, la tosse e il mal di gola. Caratteristiche Colore: sfumature di ambra; trasparente senza sedimenti e materiale estraneo. Profumo: un ricco aroma di spezie ed erbe aromatiche. Sapore: dolci note di miele.   Accostamenti:    La bevanda viene solitamente servita alla fine del pasto. Sbiten si combina bene con i dolci, specialmente quelli della tradizione russa: pan di zenzero, biscotti, torte.   Temperatura di servizio: Nel periodo estivo si serve ad una temperatura di 4-5° C,  ma in inverno è particolarmente piacevole caldo, infatti si beve per riscaldarsi dal rigido freddo russo.   Alcool: 4 – 7% ; analcolici – fino all’1%.   ATTENZIONE!!!! a bere! Questa bevanda richiede prudenza,  perché lo Sbiten è molto piacevole al gusto (soprattutto freddo d’estate), ma contenendo una certa quantità di alcool non ti accorgi della facilità di sbonzarti.

Il leggendario incrociatore russo “Aurora”

Il leggendario incrociatore russo “Aurora” ormeggiato a San Pietroburgo è incluso nella lista del World of Special Tourist Attractions con la Torre Eiffel e il Taj Mahal. L’incrociatore  “Aurora” la mitica nave della Rivoluzione russa, è dal 1957 un museo storico , ancorato sul fiume Neva a San Pietroburgo. Il Comitato internazionale per l’attrattività turistica e lo sviluppo sostenibile, durante un incontro a Johannesburg ha deciso di includere l’incrociatore Aurora nella sua lista di siti turistici speciali e il 1 ° agosto 2018 è stato consegnato all’equipaggio della nav il certificato internazionale. L’incrociatore russo Aurora è uno dei simboli della Rivoluzione d’Ottobre del 1917, costruito nei cantieri navali di San Pietroburgo e varato l’11 maggio 1900. Il 7 novembre del 1917 (il 25 ottobre secondo il calendario giuliano) dall’incrociatore Aurora fu sparato verso il Palazzo d’Inverno il primo colpo di cannone (a salve) segnale che diede il via alla rivoluzione bolscevica. Nel settembre 2014 iniziarono i lavori di restauro presso i cantieri navali di Kronstadt e attualmente si sta riparando lo scafo e contemporaneamente si è rinnovata l’esposizione museale, con la ricostruzione,  con arredamenti storici, l’interno della nave. L’ultima riparazione dell’Aurora è avvenuta nel 1984. L’incrociatore “Aurora” è parte del patrimonio culturale della Federazione Russa, una reliquia della Marina russa e tutt’oogi fa parte della Flotta della Marina Militare russa. La lista mondiale dei siti di speciale attrazione turistica comprende altri 24 luoghi situati in Russia, tra questi sono annoverati:  il Cremlino di Mosca, la Galleria Tretyakov, il Teatro Bolshoi, l’Hermitage, il Lago Baikal, il Festival dei Tulipani in Kalmykia. La presenza l’incrociatore Aurora nel lo stesso elenco con altre meraviglie mondiali come: il Ponte Carlo a Praga, la Torre Eiffel a Parigi,  il Taj Mahal ad Agra,e l’altri è un grand orgoglio per i russi!

Mosca: Il primo festival internazionale della “cucina russa”

Il primo festival internazionale “cucina russa” si terrà a Mosca   Dal 16 giugno al 15 luglio 2018 per i turisti italiani che saranno a Mosca per il Campionato Mondiale di Calcio potranno cogliere l’occasione per gustare la cucina russa al Primo Festival Internazionale di “Cucina russa”. L’evento è stato organizzato dall’ Associazione Culinaria di Mosca nel “Complesso Culturale Cremlino di Izmailovo”, con la collaborazione del Consiglio per lo Sviluppo dell’Etnoturismo, dall’Assemblea dei Popoli dell’Eurasia, dall’Unione dei giovani professionisti (Worldskills Russia). Per i visitatori del festival saranno organizzate mostre per fare conoscenza con una varietà di piatti della cucina tradizionale e moderna russa, così come la cucina dei popoli della Federazione Russa, della pasticceria e la possibilità di assistere alla preparazione della bevanda nazionale come la Sbiten. Nel programma dei giorni della mostra ci saranno giorni dedicati a: L’alta cucina (tendenze moderne dagli chef dei ristoranti russi); La cucina letteraria (piatti preparati secondo le ricette presenti nelle opere dei classici della letteratura russa: Tolstoj, Dostoevskij, Puschin e l’altri; Cucina della tradizione russa (delle vere casalinghe prepareranno un pranzo per gli ospiti, con i loro migliori piatti); Cucina storica (ricercatori e storici delle ricette preparano piatti rari e antichi della cucina russa); Cucina delle regioni e dei popoli della Russia (i piatti della autentica cucina delle Regioni russe) rappresenteranno la ricchezza e le varietà e diversità della cucina russa. Il programma prevede anche eventi musicali e di animazione che soddisferanno gli ospiti del festival con esibizioni di artisti di vari generi musicali e la vendita di numerosi souvenir realizzati da maestri artigiani russi.   Entrata libera

Il liquore amaro russo: Sveroboj

 Sveroboj il liquore amaro russo Il suo nome deriva dall’ omonima erba Sveroboj (erba di San Giovanni), ma tradotto in italiano vuol dire “botta bestiale”. in base al quale viene effettuato questa bevanda, è fa uno dei tipi di vodka russa. Sin dai tempi antichi, l’erba Sveroboy è stata considerata come una panacea per molti mali, infatti durante alcuni scavi di antichi insediamenti russi, gli archeologi hanno trovato tracce di 20 erbe, tra cui era anche l’erba sveroboj. Presso l’archivio di Stato nei documenti antichi è stato trovato un atto che ordinava ad un Governatore di inviare a Mosca nella farmacia dello zar l’erba sveroboj, richiesta unica da parte di uno Zar. Nella metà del XVIII secolo, quando la qualità della produzione della vodka russa ha raggiunto un buon livello, i mercanti hanno intuito la necessità di presentare più varietà per aumentare le vendite, furono così prodotte tipi di vodka con un aromi differenti dovute agli infusi di spezie erbe, bacche, frutti e semi di varie piante. Nel anni ’50 ’80 le distillerie nazionali di stato producevano un gran numero di liquori e di amari, e il più popolare è stata la «Sveroboj », più volte insignita di medaglie d’oro e medaglie d’argento nelle Fiere di sviluppo economico dell’ Unione Sovietica. Il liquore è prodotto da una doppia infusione di erbe secca miste di sveroboj , origano e trifoglio dolce in acqua e alcool, dopo l’infusione per 10-14 giorni fonde la prima infusione, poi si aggiungono di nuovo le erbe e per altri 14 giorni si tengono le erbe nell’alcool, l’infuso ottenuto si filtra e si imbottiglia. Caratteristica e consigli di uso: Gusto: ha un gusto pronunciato amaro, leggermente piccante a base di erbe; Aroma: di vari erbe; Colore: dal chiaro dorato al marrone chiaro; Il contenuto di alcool a 40 gradi. Raccomandazioni al momento della presentazione all’ospite: Va bevuta ad una temperatura tra i 9/11° e utilizzate bicchierini da 30-50 ml. L’“Amaro”Sveroboj” va bevuto con moderazione, a piccoli sorsi, dando la possibilità di passarlo su tutta la bocca. L’amaro sarà apprezzato anche dai fini conoscitori di liquori e vi accompagnerà ai gusti della cucina russa.

La chiusura delle fontane di Peterhof (San Pietroburgo): uno spettacolo da non perdere.

La chiusura delle fontane di Peterhof (San Pietroburgo): uno spettacolo da non perdere.   Il 15 settembre 2018, si svolgerà una grande festa per la chiusura delle fontane del Castello di Peterhof. La festa si svolge ogni anno ed è sempre magnifica e rimane a lungo nella memoria di chi ha la fortuna di assistervi. Gli organizzatori della manifestazione ogni anno organizzano una esibizione sempre nuova, sfruttando la bellezza dell’d’acqua delle fontane che attraverso un gioco di luci di vari colori  e le raffinatezze architettoniche che circondando le fontane sono una scenografia unica, che rende speciale lo spettacolo. Peterhof è  una delle Reggie degli Zar, sulle rive del Golfo di Finlandia, edificata per volere di Pietro I° Il Grande tra il 1714 e il 1723 e fa parte delle Sette meraviglie della Russia. Situato nell’omonima cittadina, a circa 20 chilometri ad ovest da San Pietroburgo, questa reggia comprende diversi e numerosi palazzi, su un’estensione di una superficie di 607 ettari ed è inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità stilato dall’Unesco. Gli eventi principali si svolgono vicino al Palazzo Great Peterhof e i visitatori  potranno godere lo spettacolo presso a cascata “Grande“. La Grande cascata, che originariamente era ornata da statue in piombo che purtroppo furono danneggiate dagli agenti atmosferici, furono sostituite da sculture di bronzo nel 1799, la sua magnificenza è data, anche dalla presenza di altre 64 fontane e 225 sculture in bronzo, oltre a molti altri motivi decorativi. Nel Parco ci sono 4 cascate e altre 191 fontane e il giorno della festa saranno tutte funzionanti e godibili ai visitatori. Il tema dello spettacolo acquatico della chiusura della stagione di 2018 è ancora tenuto in segreto, però come negli anni precedenti, il programma prevede una spettacolo teatrale che offrirà l’opportunità di vedere la ricostruzione di un evento storico accaduto in Russia al tempo della famiglia reale o la rappresentazione di una favola russa con i personaggi fatati e mitici. La celebrazione prevede, anche musica classica e spettacoli di balletto. Il programma prevede come finale per gli ospiti un grande show di fuochi d’artificio e al termine dello spettacolo avverrà la chiusura delle fontane per la stagione invernale Uno spettacolo da non perdere!  

Alexander Rodchenko: Revolution in Photography

La mostra photografica ” Alexander Rodchenko. Revolution in Photography” (Александр Родченко. Революция в фотографии) a Palermo   Palermo sede di un’altra bella mostra di fotografia quella del grande fotografo russo Alexander Rodchenko, esponente di primo piano dell’avanguardia artistica sovietica del XX secolo, che si svolge dal 18 giugno al 23 settembre 2018 presso al Reale Albergo dei Poveri. L’ Italia conosce bene i lavori di questo grande artista, ci sono state negli anni passati importanti mostre a Milano, Roma, ma questa bella mostra ci presenta Rodchenko come uno dei più grandi fotografi dell’avanguardia russa. La mostra ha già avuto un grande successo al  Palazzo Té di Mantova, con un record di visitatori pari alla metà della popolazione mantovana. La retrospettiva, propone, un allestimento impegnativo, una selezione di 150 fotografie, tratte dai negativi originali degli anni venti e trenta, provenienti dalla collezione del Multimedia Art Museum di Mosca (MAMM), il Museo più importante russo dedicato alla storia e allo sviluppo dell’arte fotografica e dell’arte contemporanea, legata alle nuove tecnologie multimediali. Ricordato come “il padre della fotografia sovietica”, Rodchenko dà forma a uno stile e a un linguaggio visivo del tutto unici conosciuto come il “Metodo Rodchenko: che gioca con composizioni in diagonale, prospettive scorciate, punti di ripresa insoliti dal basso verso l’alto e viceversa. Un dettaglio ingrandito racconta più di un personaggio, il particolare di un’architettura, narra una città in movimento.” L’artista in quel periodo lasciò la pittura per la fotografia, perché per lui “la fotografia era l’unico modo per bilanciare l’immagine piatta e consolidata di una società, quella russa, che tende a massificare ogni sospiro”. Rodchenko nel suo campo è stato un rivoluzionario, il primo grande fotografo russo ad essere conosciuto anche all’estero nonostante la Guerra Fredda. La mostra fa parte del Festival delle “Stagioni Russe” in Italia – è un progetto culturale che già è stato apprezzato da i più 2 milioni visitatori.  

” Bollicine speciali”: lo champagne russo di Abrau-Durso

 ” Bollicine speciali”: lo champagne russo di Abrau-Durso   La coltivazione della vite nella regione del Sud della Russia, risale a ai tempi dell’Antica Grecia,  quando gli antichi slavi russi: i variaghi avevano un florido commercio con le colonie greche presenti sulla costa del Mar Nero ( la famosa terra del “Vello d’Oro”). Secondo fonti ufficiali, la viticoltura in Russia ebbe inizio nelle zone basse del fiume Terek nel territorio, oggi chiamato Astrakhan, che fa parte della regione di Krasnodar, quando, per ordine dello Zar Mikhail Fedorovich Romanov, nel 1613 furono posati i primi vigneti statali presso il monastero di Troitskij, in grado di produrre  200 barili di vino all’anno. Il vero sviluppo dell’industria del vino, iniziò in Russia nel tardo XIX secolo, quando lo Zar Alessandro II con il decreto del 25 novembre 1870, ordinò la messa a dimora di vigneti in una sua proprietà situata in un bellissimo luogo vicino al lago Abrau e al fiume Durso. Per attivare ed iniziare la produzione furono chiamati degli esperti francesi, che introdussero   alcune tecniche di vinificazione ormai in uso in Francia, all’inizio furono prodotti vini da tavola e solo nel 1896 vennero prodotti, per la prima volta i vini con in grado di fermentare e fare le famose “bollicine” in grado di fa nascere uno spumante tutto russo. Il successo del vino di Abrau-Durso fu immediato tanto che nel 1900 all’Esposizione Internazionale di Parigi “lo champagne russo Paradise” ricevette la medaglia del Grand Prix, superando tutte le case di produzione di champagne francese! Prima della Rivoluzione del 1917, in Russia, lo spumante era a disposizione solo dei nobili aristocratici, ma dopo la rivoluzione bolscevica tutto cambiò con Stalin, che essendo di origine giorgiana, una regione dell’Unione Sovietica dove la tradizione della coltivazione dell’uva e la produzione dei vini era stata sempre molto forte.   Stalin sosteneva che il vino dovesse essere accessibile a tutti i cittadini sovietici,  così  con un decreto del 28 Luglio 1936 ordinò di promuovere una produzione di vini per farne beneficiare tutto il popolo russo e a metà del XX secolo, l’Unione Sovietica occupava il quinto posto, nel mondo, per numero di vigneti e il settimo per la produzione di vino.   Tutto finì a causa di un altro decreto, quello del 16 maggio 1985 promulgato da Gorbaciov che introdusse una specie di proibizionismo con la conseguenza della diminuzione della produzione di alcolici e superalcolici (vodka e vino) causando la distruzione di ben 32 ettari di vigneti di Abrau-Durso. L’arrivo di Eltsin cancellò tutto quello che Gorbacev aveva imposto, iniziando l’epoca del libero mercato e l’introduzione delle privatizzazione e i primi a cogliere quell’occasione furono i  produttori vinicoli delle regioni meridionali. Oggi la casa vinicola “Abrau-Durso” con vigneti estesi su un territorio di 660 ettari è un’impresa privata che produce vini normali e bottiglie di “shampanskoie” lavorato con le tecniche classiche francesi: Champenoise e il metodo accelerato di Charmat. Secondo gli esperti, la natura incontaminata e il microclima “terroir” del territorio di Abrau-Durso   rendono le condizioni della produzione del vino uniche e con caratteristiche proprie come la zona della “Rosa dei venti” situata in una vallata di montagna dove le uve raccolgono e mescolano insieme una varietà di aromi erbacei secchi e floreali a nuance salmastre marine e fresche del lago. La ricchezza di elementi naturali nei terreni, nei sassi che circondano il “terroir” dei vigneti, funzionano come elementi naturali ed ecologici che favoriscono importanti microelementi per il terreno, creando condizioni confortevoli per la crescita e la maturazione dei grappoli, grazie, anche al sole presente lungo tutto l’anno. Clima morbido unico, mite, simile alle zone del Mediterraneo dove si gode una bella vista delle colline terrazzate, dove si trovano i vigneti, con la presenza di boschetti di ginepro, che nelle giornate calde conferiscono all’aria un particolare profumo. In estate, l’aria si scalda fino a + 25/26 ° C, in inverno la temperatura media è di + 5 °C. I vigneti di Abrau-Durso sono costituiti da vitigni europei tipo: Chardonnay, Aligotè, Pinot Bianco, Riesling del Renano, Pinot Noir, Pinot Franc, Cabernet Sauvignon e Merlot. Il metodo di raccolta dei grappoli viene fatta categoricamente a mano, e poi vengono lavorati in modo delicato con presse pneumatiche. Per creare un vino, con un bouquet dal sapore unico nello stabilimento di Abrau-Durso viene usato il metodo francese chiamato “assemblaggio”, un processo di miscelazione di vini di diverse raccolte, fatto prima di imbottigliare il vino per l’invecchiamento. Dopo l’imbottigliamento del vino nuovo, avviene il processo di invecchiamento che consiste nello stazionamento per tre anni in gallerie buie, queste furano costruite all’interno di una collina ai tempi dello Zar e rimodernate in tempi più recenti dai minatori della metropolitana di Mosca. Le superficie delle gallerie sono pari a due campi da calcio con una profondità di 60 metri sui scaffali di legno appoggiati lungo i corridoi possano essere messe fino a 10 milioni di bottiglie alla volta, è in questo luogo dove il vino diventerà “shampanskoie”, rivolte con collo in basso e poi manualmente vengono girate ogni giorno per 7,5 minuti esatti. Al termine dei tre anni il sedimento organico che si deposita sul sughero, deve essere tolto, per questo le bottiglie vengono messe su un supporto, e la rimozione completa del sedimento verrà effettuata dopo il congelamento del collo della bottiglia e successivamente un maestro cantiniere toglierà con prudenza la gabbia che protegge il tappo, toglierà il sughero con il sedimento. La particolarità di questa operazione delicata è che nell’azienda di “Abrau-Durso” questa operazione viene fatta da maestri esclusivamente al femminile, probabilmente uniche al mondo, che si occupano di questo lavoro. La produzione dell’azienda vinicola è molto ricca e con una varietà di vini in grado di soddisfare i gusti più diversi presentando bottiglie importanti: da uno “shampanskoie” molto prezioso come il “Millesimo”, un vino di altissima qualità, creato con uve di una sola vendemmia (la collezione ne contiene ben 11 tipi). I vini Grand Cru sono presenti nella collezione “Imperial” provvista di 3 tipi. La categoria denominata Blanc de Blancs brut 100% sono

La mostra “Da Tiepolo a Canaletto a Guardi” a Mosca

La mostra “Da Tiepolo a Canaletto a Guardi” a Mosca (От Тьеполо до Каналетто  и Гварди)   Da molti anni il Museo d’Arte Figurative “Pushkin” di Mosca collabora con i musei d’Italia, tenendo regolarmente mostre di arte italiana, oggi grazie alla collaborazione con il Museo di Vicenza e con la collaborazione della Banca Intesa Sanpaolo, viene allestita una raccolta delle opere di capolavori di pittori veneziani del XVIII secolo dal titolo “Da Tiepolo a Canaletto a Guardi” che si svolge dal 24 luglio con termine il 14ottobre 2018. E’ un’occasione importante per i cittadini russi, amanti della cultura italiana, ma anche un’occasione per i cittadini italiani che hanno programmato una vacanza in Russia. I visitatori potranno così conoscere la pittura veneziana dei secoli XVII-XVIII, opere che indagano i contrasti coloristici del Rococò, come la pittura del Tiepolo, passando per la pittura mitologica di Gianbattista Pittoni e la scena sacra di Giovanni Battista Piazzetta, arrivando alla pittura del paesaggio con le opere insuperabili del Canaletto, del Bellotto e dell’altro pittore veneziano Guardi, un percorso in grado di soddisfare, in tutta la sua completezza la varietà di generi. Nell’esposizione i dipinti di numerosi maestri italiani, provenienti dalle collezioni del Museo civico di Vicenza (23) faranno spicco la presenza di altre dipinti di artisti veneziani del XVIII secolo provenienti da collezione russe come quella del Museo “Pushkin” (25) ricca di paesaggi del Canaletto, del Belotto,  del Marieschi e Guardi. A fine ottobre la mostra sarà allestita a Vicenza con il nome “Il Trionfo del colore, da Tiepolo a Canaletto a Guardi” realizzado una vera e propria partnership culturale che fa parte del Festival delle “Stagioni Russe” in Italia.